La Notte della Taranta questa sera a Cursi con Li Strittuli, Daniele Durante, Kalàscima

La Notte della Taranta questa sera a Cursi con Li Strittuli, Daniele Durante, Ka

Dopo la splendida apertura con il corteo musicale degli Arakne Mediterranea a Coriglianod’Otranto, e la seconda serata a Zollino, fa tappa a Cursi il festival itinerante La Notte
della Taranta, promosso e organizzato da Fondazione La Notte della Taranta, Assessoratoal Mediterraneo, Cultura e Turismo della Regione Puglia, Provincia di Lecce, Unione di Comuni della Grecìa Salentina, Istituto Diego Carpitella.

A salire per primi sul palco sarannoLi Strittuli, gruppo formato da giovani musicisti di San Pancrazio Salentino selezionato
attraverso il concorso nazionale “Salento Creativo - Le radici della musica”. Li Strittuli proporranno un repertorio fatto di pizziche, stornelli d’amore, canti di lavoro e protesta.

Si chiama invece “E ballamu la tarantella ca facimu la vita bella” il nuovo progetto di Daniele Durante, uno spettacolo che rispecchia il folk nel gusto, nell’atmosfera, nel ritmo e spesso negli schemi metrici e nei vocalizzi utilizzati, ma scritto nella maggior parte delle musiche e dei testi dallo stesso Durante. A fare da trait d’union tra i pezzi, le esecuzioni di canti e musiche della tradizione salentina, prese da registrazioni fatte a partire dagli anni Cinquanta.

Varie le tematiche trattate, maggiormente di denuncia sociale e culturale, da cui si evince disillusione e disincanto, ma sempre con una forte nota ironica. Un progetto in cui Durante continua la sua riflessione sul sud e sul Salento, attraverso i diversi modi di viverlo.
A chiudere la serata a Cursi saranno i Kalàscima la cui musica da sempre affronta argomenti legati alla storia contadina e operaia proponendo brani storici che vanno da La Rivolta
dell’Arneo a Meridionale.

LA NOTTE INCANTA
All’interno del villaggio che ospita i prodotti ufficiali del festival, si trovano gli stand dell’Associazione SottoTraccia dove ha luogo “La Notte Incanta – rassegna di musica,
letteratura e showcase in un salotto di strada”. La rassegna si muoverà di tappa in tappa seguendo il festival de La Notte della Taranta e articolandosi in due momenti: un pre-festival, dalle 20.00 alle 21.45, dedicato alle presentazioni; un secondo momento, post-festival, in cui il salotto diventerà una “etno-discoteca”, dove si alterneranno numerosi dj e mc della scena musicale del Mediterraneo.

Il 9 agosto a Cursi, si terrà un incontro con i giornalisti Roberto Guido e Dario Quarta di QuiSalento; a seguire, intervista/showcase con Daniele Durante. Dopo i concerti, Mascarimirì Pizzica in dance hall party.

GIOVEDÌ 9 AGOSTO
CURSI | Piazza Pio XII

LI STRITTULI
Il gruppo Li Strittuli è nato nel 1998 a San Pancrazio Salentino per riproporre un viaggio nella pizzica pizzica, pizzica tarantata, stornelli d’amore, canti di lavoro e protesta. È maturato grazie al contatto diretto con portatori della tradizione e gruppi di ricerca, facendo proprio il patrimonio della cultura orale e utilizzando gli strumenti tradizionali come violino, organetto, fisarmonica, chitarra e tamburo a cornice. Nel corso degli anni ha concentrato la propria ricerca principalmente sui canti e sulla musica di tradizione orale del nord Salento e del brindisino. Il gruppo è stato selezionato attraverso il concorso nazionale “Salento Creativo - Le radici della musica”.

DANIELE DURANTE
Ha interpretato per oltre trent’anni la riproposta della musica popolare con il Canzoniere Grecanico Salentino, affidato poi al figlio Mauro. Negli ultimi anni Daniele Durante ha coltivato la sua spiccata capacità di mettere in discussione il percorso compiuto dalla musica popolare continuando a riflettere sul Sud e sul Salento attraverso progetti ironici e spesso apertamente critici. Nel suo ultimo lavoro discografico/letterario, “Le mani del Sud” (uscito di recente per Besa/Anima Mundi), Durante ha musicato dieci poesie di Vittorio Bodini fondendo i suoni e le melodie della tradizione salentina con malinconiche ballate che rimandano alle musiche di altri sud del mondo.

KALÀSCIMA
Il gruppo nasce nel Sud Salento dall’incontro tra Andrea Morciano e Riccardo Laganà con l’intento di creare una nuova e originale lettura del repertorio popolare del Sud Italia. Determinati a dare voce a un diffuso bisogno di memoria sociale, i Kalàscima hanno in repertorio brani che trattano temi fondanti della storia contadina e operaia salentina come La Rivolta dell’Arneo, 8 Agosto ‘56 - Marcinelle, A Guido Rossa, Meridionale, Bancopoli. Con strumenti tradizionali anche arcaici, rivisitati e modificati come launeddas elettroniche sarde, tamburelli salentini, zampogne e bouzouki, e testi e musiche d’autore originali i Kalàscima passano dalle tarantelle calabresi e garganiche ai canti di Sicilia, dalle
danze irlandesi a quelle balcaniche e klezmer.