Caso Scazzi: chiesta la perizia psichiatrica per lo zio

L'avvocato di Michele Misseri, lo zio che ha confessato di aver ucciso la nipote Sarah Scazzi, ha presentato la richiesta di perizia psichiatrica per il suo assistito. La richiesta tende ad accertare la capacità di intendere e di volere dell'indagato sia al momento del delitto sia durante il giudizio.

Secondo il legale, "Misseri durante gli interrogatori ha fornito versioni contraddittorie, assolutamente illogiche e poco credibili".

La perizia psichiatrica è stata depositata dal difensore di Misseri, l'avvocato Daniele Galoppa negli uffici del giudice per le indagini preliminari.

Nel frattempo, il fratello di Sarah Scazzi è stato convocato in procura per precisare il contenuto di alcune dichiarazioni rilasciate subito dopo il fermo di Michele Misseri.

Nel dettaglio Claudio Scazzi dovrà chiarire i dettagli del presunto litigio tra la sorella e la cugina Sabrina su alcune molestie ricevute dallo zio. Scazzi disse chiaramente che se Sarah ne avesse parlato in famiglia, lui e i suoi genitori sarebbero sicuramente intervenuti.