Martano Editrice rischia la chiusura: la crisi annienta anche le realtà storiche del Salento

Martano Editrice rischia la chiusura: la crisi annienta anche le realtà storiche

Per 32 lavoratrici e lavoratori della provincia di Lecce, già in Cassa integrazione ordinaria fino al 10 settembre, si profila lo spettro della mobilità. Una delle aziende storiche e più rappresentative del territorio salentino, infatti, la Martano Editrice di Lecce, sarà costretta, forse, a “emigrare” per mancanza di commesse. SLC Cgil e FISTEL Cisl hanno chiesto un incontro urgente in Provincia di Lecce per affrontare la questione e tentare di trovare soluzioni alla crisi della Martano ed evitare, così, che l’azienda porti il suo interesse imprenditoriale sui siti di Bari e Milano, dove già opera nel settore poligrafico. Se questo dovesse succedere, il territorio salentino, e in particolare quello della zona industriale di Lecce, sarà ulteriormente depauperato. Nell’eventualità che il tavolo provinciale non individui soluzioni, Slc Cgil e Fistel Cisl sono pronte a intraprendere azioni di lotta chiedendo l’attivazione del tavolo prefettizio e sollecitando l’intervento dei parlamentari e delle istituzioni salentine.

Tempo fa, proprio con la nostra telecamera, siamo entrati nel museo che, nel cuore di Lecce racconta una passione diventata lavoro. Pensate che a Lecce il torchio fu portato nel 1631 da Pietro Micheli. Da allora diverse generazioni di tipografi leccesi e salentine si sono succedute. Tra questi Salvatore Martano, che all'età di cinque anni andò garzone nella bottega dei Lazzaretti e s'innamorò dell'ars artificiliter scribendi. La passione che ha sempre animato il lavoro dei Martano è esondata come fiume in piena dagli stabilimenti, per riversarsi sul territorio leccese e salentino, assumendo l'habitus di . Qui il visitatore può accostarsi a quelle macchine costrette, loro malgrado, a riposare non sazie di raccontare ancora. Se porgete l'orecchio, potrete udire l'eco della passione che si trasforma in lavoro, spostando più in là la linea di confine tra dignità e ferinità. Il Museo della Stampa a Lecce è uno dei migliori in Italia, per questo Vincenzo Martano chiede alle Istituzioni maggiore attenzione.