Dramma precarietà: giornalista si suicida

 precarietà

Un giornalista pubblicista di 41 anni residente in provincia di Brindisi, collaboratore di un quotidiano pugliese, si e' tolto la vita impiccandosi ieri sera nei pressi di una villetta di proprieta' della famiglia.

In una nota l'Associazione della Stampa di Puglia esprime cordoglio e sconcerto per la tragica morte del collega, che si e' abbandonato ad un gesto estremo, dettato dal profondo disagio esistenziale legato anche alla sua condizione di precarieta' lavorativa".

"La sua morte - prosegue la nota del presidente Raffaele Lorusso- deve imporre a tutti, specialmente a chi detiene responsabilita' di governo a tutti i livelli, una profonda riflessione sul dramma di migliaia di persone, giovani e meno giovani che, non soltanto nel giornalismo, vivono ogni giorno sulla propria pelle il dramma di un'occupazione precaria e senza alcuna prospettiva di stabilizzazione. Una condizione che impedisce a chiunque di guardare al futuro con fiducia e di realizzare progetti di vita. Nell'esprimere la propria vicinanza ai familiari, il sindacato dei giornalisti pugliesi rinnova il proprio impegno a combattere in tutte le sedi ogni forma di sfruttamento del lavoro dei colleghi".