Caritas: a quota 5 milioni di immigrati in Itallia

Aumenta senza sosta il numero di immigrati in Italia. ''Se all'inizio del 2010 l'Istat ha registrato 4 milioni e 235mila residenti stranieri'', secondo la Caritas, ''includendo tutte le persone regolarmente soggiornanti seppure non ancora iscritte in anagrafe, si arriva a 4 milioni e 919mila (1 immigrato ogni 12 residenti)''.

E' quanto si legge nel ''XX Rapporto sull'immigrazione. Dossier statistico 2010'' messo a punto da Caritas Migrantes e presentato oggi a Roma.

Secondo il rapporto, l'aumento dei residenti è stato di circa 3 milioni di unità nel corso dell'ultimo decennio, durante il quale la presenza straniera è triplicata (quasi 1 milione nell'ultimo biennio).

Intanto, però, evidenzia il dossier, ''complice la fase di recessione, sono cresciute anche le reazioni negative''.

Gli italiani sembrano lontani, nella loro percezione, da un adeguato inquadramento di questa realta'. Nella ricerca ''Transatlantic Trends'' (2009) mediamente gli intervistati hanno ritenuto che gli immigrati incidano per il 23% sulla popolazione residente (sarebbero quindi circa 15 milioni, tre volte di più rispetto alla loro effettiva consistenza) e che i ''clandestini'' siano piu' numerosi dei migranti regolari (mentre le stime accreditano un numero attorno al mezzo milione).

Su questa ''distorta percezione influiscono diversi fattori, tra i quali anche l'appartenenza politica''.

(Fonte Asca)