#Iononlhointerrotta Review

I retroscena e le scelte della comunicazione politica, le mutazioni in corso e le ramificazioni dei linguaggi contaminati dal popolo della rete e dalle correnti generate dai social network. Due giorni intensi di confronti, dibattiti, approfondimenti partecipati. "Io non l'ho interrotta", la rassegna dedicata al giornalismo politico fa il bis, sfida vinta anche per la seconda edizione dell'evento ideato da Pierpaolo Lala - CoolClub - e svoltosi lo scorso weekend nelle Distillerie De Giorgi di San Cesario di Lecce.

Ad aprire la rassegna Andrea Romano, sindaco di San Cesario e Felice Blasi, presidente di Corecom Puglia, che hanno sottolineato come l'ex opificio sia "Un luogo che sta vivendo un processo di rigenerazione e la possibilità di ospitare eventi come questa rassegna ne è testimonianza." Il sindaco Romano si è soffermato con noi di SalentoWeb.Tv, media partner della seconda edizione della rassegna, ad analizzare gli improbabili comportamenti linguistici dei politici contemporanei, "Basti pensare a quel "Ciaone" del Presidente del Consiglio".

Le elezioni americane lette da Francesco Costa de Il Post sono state il cuore pulsante del primo approfondimento dedicato ai candidati, le strategie, le alleanze in riferimento al risultato papabile dell'8 novembre prossimo quando si deciderà chi potrà essere il Presidente degli Stati Uniti d'America.

Grande attesa e attenzione per l'incontro tematico "Politica, lessico e nuvole" ovvero il secondo panel di ‪#‎iononlhointerrotta che ha visto protagonista‬ Stefano Bartezzaghi e Marianna Aprile. Un bel duetto per analizzare il gioco delle parole e le "mosse" degli attori della politica e dei comunicatori.

Bartezzaghi de La Repubblica, uno tra gli ospiti più attesi della prima serata, si è soffermato con noi a parlare dello "zoo" del linguaggio politico, come sottolineato anche da Marianna Aprile di Oggi "Molte delle frasi twittate oggi dai politici non hanno un senso compiuto, se sono metaforiche peggio ancora".

iframe src="https://www.facebook.com/plugins/video.php?href=https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2FSalentoWeb%2Fvideos%2F10155012156347564%2F&show_text=0&width=560" width="560" height="315" style="border:none;overflow:hidden" scrolling="no" frameborder="0" allowTransparency="true" allowFullScreen="true">

Si sono incontrati sul palco della prima serata anche Alessandro Gilioli de L'Espresso, Wanda Marra, Dino Amenduni di ProForma, Daniele De Bernardin per un'analisi trasversale sulla realtà politica in Italia, le parole destra e sinistra, scenari futuri e ricerca di contenuti.

Gilioli ha condiviso con noi un divertente aneddoto utile per capire cosa può succedere a volte nel backstage delle grandi redazioni.

Wanda Marra de Il fatto quotidiano, invece, ci ha spiegato lo strano caso dell'ascesa e declino degli hashtag nella comunicazione politica:

Con Dino Amenduni di ProForma, ospite della rassegna per il secondo anno consecutivo, abbiamo analizzato i cambiamenti degli ultimi dodici mesi:

La seconda serata di ‪#‎iononlhointerrotta‬ è stata dedicata all'Europa ed ai nuovi nazionalismi. Ad animare il panel "C'era una volta l'Europa? Il Vecchio continente tra populismo, immigrazione e crisi economica", Eva Giovannini, giornalista, inviata del programma di Rai3 Ballarò, Giovanna Pancheri, corrispondente da Bruxelles per SkyTG24, Frédérique Maillard Laudisa, inviata di France Televisions per il programma “Avenue de l’Europe” e Andrea Conte, Project Leader Commissione Europea.

Abbiamo incontrato Giovanna Pancheri di SkyTg24 per parlare di Europa:

La "star" dell'ultima serata, Marco Damilano de L'Espresso, ha tenuto banco nell'ultimo incontro a margine del quale lo abbiamo intervistato:

Interessante anche il punto di vista di Eva Giovannini inviata di Ballarò che ha ci ha spiegato come i protagonisti della comunicazione si siano sottratti per troppo tempo a certe responsabilità:

In ultimo, con Pierpaolo Lala, abbiamo tastato il polso a questa seconda edizione, bilancio certamente positivo e scommessa vinta per la rassegna che tenta e riesce a portare il dibattito politico tra la gente in pieno luglio nel Salento: