Lutto nazionale: in Piazza Sant'Oronzo a Lecce flash mob per la tragedia di Lampedusa

A Lampedusa sono tutti chiusi i negozi per il lutto cittadino proclamato con un'ordinanza ieri sera dal sindaco Giusy Nicolini dopo il naufragio che ha provocato la morte di 111 migranti mentre altre decine sarebbero dispersi. Il Presidente Enrico Letta, ha proclamato per oggi una giornata di lutto nazionale per la tragedia avvenuta all'alba di ieri mattina quando un barcone di migranti è naufragato a circa mezzo miglio dell'Isola dei Conigli al largo di Lampedusa. In tutta Italia oggi su disposizione del Ministro dell'Istruzione Maria Chiara Carrozza è stato osservato un minuto di silenzio.

E nella tarda mattinata a Lecce in piazza Sant'Oronzo il cordoglio ha assunto la forma di un flash mob dai toni forti. Una ventina di migranti, infatti, si sono sdraiati sul basolato della piazza davanti ai passanti attoniti coprendosi con un lenzuolo bianco.

Il naufragio di Lampedusa potrebbe essere la strage più grave dal dopoguerra che si e' verificata nel canale di Sicilia. Visto che i sopravvissuti hanno raccontato di 500 persone a bordo del barcone andato a fuoco e poi affondato e che i superstiti per ora sono 155, il rischio e' che alla fine si possano contare più di 300 morti. Sinora la tragedia più nefasta accertata era la cosiddetta strage della notte di Natale del 1996: in un tragico tentativo di sbarco al largo di Capo Passero, persero la vita 283 clandestini tra pakistani indiani e cingalesi Tamil. Erano stipati su un mercantile che trasportava circa 450 immigrati.