Marilungo si scopre altruista: "Mazzotta merita il gol"

Marilungo si scopre altruista: "Mazzotta merita il gol"

Una dinamo sempre in movimento. Crossa, corre, lotta, sgomita e non si ferma mai. E' questo Guido Marilungo, il baby-prodigio arrivato nel Salento in prestito dalla Sampdoria con il calciomercato estivo.

L'attaccante di Montegnanaro -sette reti messe a segno dall'inizio del campionato cadetto- ha un solo pensiero per la testa che è quello di conquistare la promozione con la maglia giallorossa: "Non chiedetemi quanti gol vorrei segnare fino alla fine di questo campionato: non faccio nessun calcolo in questo senso, in questo momento non ha nessuna importanza chi va in gol e per me può segnare anche Antonio (Rosati, ndr). Come gruppo abbiamo un solo obiettivo che è quello di raggiungere la serie A. Spero, però, che vada presto in gol il mio caro amico Mazzotta, se lo merita visto che ci mette sempre tanto impegno ed energia in ogni gara e per tutti i novanta minuti".

Il nazionale Under 21 analizza i quattro pareggi di fila del suo Lecce: "E' vero abbiamo conquistato quattro pareggi consecutivi e ci dobbiamo, quindi, ritenere fortunati per i risultati delle altre squadre che ci hanno permesso di conservare, comunque, il primato della classifica. E poi, con il Mantova anche se siamo andati due volte in svantaggio abbiamo dimostrato un grande carattere, recuperando il risultato e cercando di vincere la partita fino alla fine".

Marilungo dice la sua anche sul campionato cadetto che riserva sempre delle sorprese: "L'attuale campionato di serie B si sta rivelando un campionato molto strano, visto che in questa fase della stagione si vedono spesso e volentieri partite in cui squadre di bassa classifica hanno la meglio su altre che si trovano in una posizione di classifica migliore. Nel girone di ritorno ogni gara è dura da disputare- spiega l'attaccante marchigiano- perché ogni avversario ha i propri obiettivo da raggiungere. A mio parere Grosseto, Brescia, Sassuolo, ma anche il Cesena sono le nostre dirette avversarie, il Torino si è ripreso, anche se su di loro abbiamo 8 punti di vantaggio e ,quindi, spero che non si avvicini a noi".

Sabato il Lecce ospiterà il Cittadella al Via del Mare e il bomber giallorosso ripensa alla pesante "batosta" subita dal suo Lecce nella partita d’andata: "Contro il Cittadella nella gara d'andata abbiamo disputato, a mio parere, una delle partite più negative del nostro campionato: abbiamo giocato male e alla fine abbiamo preso 3 reti e quindi abbiamo veramente il desiderio di riscattaci da quella sconfitta".

Questa mattina la comitiva giallorossa si è ritrovata a Calimera per preparare la partita casalinga di sabato prossimo contro il Cittadella.

Sono rimasti a riposo per stato influenzale Schiavi e Mesbah, Munari ha usufruito di un giorno di permesso, mentre Alberto Giuliatto ha svolto lavoro differenziato.

Per domani Gigi De Canio ha previsto una doppia seduta di allenamento, sempre sul sintetico di Calimera.