A Novoli continua la "Prima Rassegna Teatrale Mario Teni"

A Novoli continua la "Prima Rassegna Teatrale Mario Teni"

Dopo l’inaugurazione della scorsa settimana, continua anche in questo week-end la I Rassegna Teatrale “Mario Teni”, organizzata nel primo anniversario di morte del maestro novolese, nonché attore, regista ed autore di diverse commedie in vernacolo.

L’evento è organizzato dalla Compagnia Teatrale “Mons. F. De Tommasi” in collaborazione con il Comune di Novoli e rientra nel calendario ufficiale delle celebrazioni del 150° anniversario dell'Unità d'Italia nel quadro del progetto “Voler bene all'Italia” realizzato con l'adesione del Presidente della Repubblica, Legambiente, Anci-Puglia, e col patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri e del Ministero dei Beni e Attività Culturali (oltre che da altre istituzioni ed enti pubblici).

Sarà il Teatrino della Parrocchia Maria Santissima del Pane di Novoli, storico contenitore in cui si è materializzata per anni l’attività del professore Teni, ad ospitare l’omaggio che le giovani compagnie teatrali del posto vogliono tributare al maestro, portando in scena alcune delle sue commedia più celebri.

Dopo l’atto unico “Lu fattorinu” a cura del settore giovanile della Compagnia Teatrale “Mons. F. De Tommasi”, infatti, toccherà al TeatroLab dell’Associazione socioculturale “Campus Giovani”, che sabato 14 e domenica 15 maggio (dalle ore 20,30) porterà in scena la commedia in due atti “Orgogliu te patre”.

Sul palco salirà una storia che parla dell’attuale società attraverso le vicissitudini di una semplice famiglia, quella di Peppu Carcagnulu (portato in scena da Salvatore Mazzotta) che insieme alla moglie Giovina (Simona Cosma) e a nonna Santa (Ilaria Spada), vive l’anacronismo dei tempi moderni in cui sembra essere stata sbattuta.

La vicenda ruota soprattutto attorno ai dubbi e ai pregiudizi dei due genitori nei confronti del figlio Tonino (Gianmarco Mazzotta) il quale oltre ad essere sfaticato e ricercato nell’abbigliamento, fa parte di un gruppo teatrale nelle cui rappresentazioni ricopre spesso e volentieri ruoli femminili, incoraggiato dall’amica Filly (Federica Greco) che gli procura, tra l’altro, gli abiti di scena per il personaggio di Giulietta.

Tra gag e imprevisti, la storia diretta dalla regia di Roberto Toscano continua con le confidenze della figlia Simona e del suo fidanzato Lorenzo (rispettivamente Ilaria Ingrosso e Marco Bruno) e l’entrata in scena della dottoressa Tiziana Mangeli, di Salvatore (Luigi Greco) e della signora Zaira (Federica Zilli), rispettivamente amici di Peppu e Giovina.

Chiudono il cast i carabinieri Massimiliano Fiore e Federico Galloso, insieme a una folta schiera di volontari che stanno partecipando con entusiasmo alle numerose attività del gruppo teatrale e dell’associazione impegnata da anni al fianco delle fasce giovanili.

Il teatrino novolese, infine, ospiterà anche il prossimo appuntamento con il teatro in vernacolo sempre nell’ambito della raseggna, previsto per sabato 21 e domenica 22 maggio 2011 con la rappresentazione della commedia in tre atti “Lu Filtru maggicu” della Compagnia teatrale “Le Sarmente”.