In attesa di Lecce-Bologna: il parere dell'esperto

In attesa di Lecce-Bologna: il parere dell'esperto

Per tutte le notizie sull'U.S. Lecce c'è: http://www.leccecalcio.tv/, la web tv di SalentoWebTv interamente dedicata ai giallorossi.

(di Carmen Tommasi)- Vietato sbagliare. E' questo il pensiero di Andrea Mazzotta, Segretario Generale di Salento Giallorosso, il giorno della vigilia dell'importante sfida casalinga Lecce- Bologna. "Quella contro gli emiliani è una gara fondamentale da vincere a tutti i costi. E’ una partita ricca di insidie, da non sottovalutare visto la loro posizione in classifica piuttosto tranquilla, forse tra le più difficili da disputare per diversi motivi, in primis quello psicologico": Mazzotta, uno dei primi tifosi giallorossi, presenta così il delicato macht di campionato in cui saranno impegnati domani capitan Giacomazzi e compagni.

Partiamo da Lecce-Roma, un punto sciupato dai giallorossi in zona Cesarini, c'è stata, a suo parere, un'involuzione di gioco da parte di capitan Giacomazzi e compagni?
"La partita con la Roma lascia l’amaro in bocca sia per il risultato sia per le decisioni arbitrali! Sicuramente è un punto perso visto il secondo tempo disputato; non so nella partita cosa effettivamente non sia andato: se il famoso ma non convincente approccio, oppure potrebbe essere stato il ritmo blando della Roma ad ingannare il Lecce, non proiettandolo ad un attacco più convinto magari temendo una reazione in contropiede, o ancora qualche scelta iniziale che non si è rivelata opportuna. Resta quindi il tangibile rammarico per una prestazione abbastanza contratta nella prima parte di gara ma esaltante nella seconda, per la ferrea determinazione dimostrata più che per la qualità del gioco".

Lecce-Bologna: una partita importantissima in chiave salvezza. Con quale atteggiamento scenderanno in campo gli uomini di De Canio?
"Quella contro gli emiliani è una gara fondamentale da vincere a tutti i costi. E’ una partita ricca di insidie, da non sottovalutare visto la loro posizione in classifica piuttosto tranquilla, forse tra le più difficili da disputare per diversi motivi, in primis quello psicologico. Bisogna affrontarla senza timore scendendo in campo determinati,concentrati, grintosi e gettando il cuore oltre l’ostacolo. In palio tre punti importantissimi che oltre ad aumentare il distacco dalle dirette concorrenti, possono segnare un passo decisivo per la permanenza nella massima serie".

50 gol subiti in 28 partite nonostante le prodezze di Antonio Rosati, a cosa attribuisce questo dato?
"Purtroppo quella giallorossa è la difesa più battuta del campionato nonostante le numerose prodezze di Rosati. Abbiamo subito finora troppi gol a causa di un reparto difensivo che sin dall’inizio del campionato ha evidenziato delle lacune non colmate nel mercato di riparazione di gennaio con l’arrivo di qualche esperto difensore che potesse garantire una maggiore solidità difensiva. A tutto questo si deve aggiungere anche la stagione non proprio fortunata di qualche difensore della rosa, come ad esempio Ferrario".

E' un Lecce meno "spigoloso" senza David Di Michele?
"David è un grande giocatore, è importante per il gioco che attua mister De Canio.E’ un giocatore che con la sua velocità e la sua indiscussa tecnica è in grado di scardinare le difese avversarie. Purtroppo la sua assenza pesa non poco nel reparto offensivo giallorosso e toglie all’attacco quella rapidità necessaria a finalizzare le occasioni che si creano durante la partita. Spero che recuperi presto da questo infortunio per continuare a dare un contributo importante alla causa giallorossa".

Un commento sulla classifica: ora il Lecce è in piena zona retrocessione. Basteranno quattro vittorie per essere salvi?
"Secondo me anche quest’anno la quota salvezza si aggira sui 38/40 punti. Il Lecce oggi viaggia alla lunghezza d’onda di un punto a gara, 28 lunghezze in 28 partite, proprio quei 38 punti necessari, per poter disputare un nuovo torneo nella massima serie. In quest’ultime 10 durissime battaglie dobbiamo cercare di ottenere almeno 12 p.ti per chiudere il discorso salvezza che non riguarda più solo 3-4 squadre, ma si è allargato: oltre la Samp, anche a Catania e Parma. Basteranno quattro vittorie per essere salvi? Intanto pensiamo ad ottenere i tre punti contro il Bologna, poi si vedrà".