Vives: "La nostra forza è il gruppo"

Vives: "La nostra forza è il gruppo"

(Carmen Lucia Tommasi) E’ l’uomo tuttofare del centrocampo giallorosso. In qualunque zona della linea mediana del campo in cui Gigi De Canio decide di farlo giocare per Giuseppe Vives non fa la differenza. L’ex pupillo di Zeman è, infatti, soddisfatto dal punto di vista personale del campionato in corso che lo vede come protagonista nella scalata verso la massima serie: “E vero il Mister quest'anno mi ha fatto ricoprire diverse posizioni del centrocampo, ma per me va bene così e io sono sempre pronto a rendermi utile e fare ciò che mi chiede il mio allenatore”.

Il Crotone dopo due vittorie consecutive punta al terzo risultato positivo e il centrocampista di Afragola non nasconde le insidie del match contro i calabresi: ”Considerando la gara d’andata in cui abbiamo sofferto, e non poco, la loro presenza in campo, lunedì dovremo scendere in campo con la mentalità giusta perchè affronteremo una buona squadra, che viene da due vittorie di non poco conto, e quindi sarà una partita tosta. Per noi sarà importante scendere in campo con il giusto approccio e con la voglia di lottare fino alla fine su ogni pallone. In più lo “Scida” è un campo piccolo, accogliente e molto caldo, ma questo non sarà il fattore determinante di questa partita perchè ciò che farà la differenza sarà il nostro approccio alla gara”. Nel Crotone non ci sarà lo squalificato Gabionetta, ma Vives è preoccupato per le motivazioni di chi scenderà in campo al suo posto: ”Denilson è un bravissimo calciatore e ha delle grandi doti, ma sono certo che chi giocherà al suo posto non lo farà rimpiangere perché avrà le giuste motivazioni per fare bene”. Il primato in classifica del Lecce è frutto non solo delle capacità tecniche della squadra, ma anche dell’unione del gruppo: ”Sia per me che per tutti i miei compagni questa che stiamo vivendo è una stagione molto importante: è vero abbiamo una rosa molto ampia, ma chi è entrato in campo ha sempre dato il massimo e questo fino ad ora è stata la nostra forza. Anche chi è arrivato a gennaio si è messo a disposizione del gruppo e in più sono tutti dei ragazzi eccezionali”. La corsa per la serie A è ancora molto lunga e Giuseppe Vives è cauto nelle considerazioni sulla classifica della serie cadetta: ”In questo momento è ancora troppo presto per guardare la classifica e per fare le considerazioni di sorta, a mio parere, tra una decina di giornate si capirà qualcosa in più. Nel Lecce di Papadopulo di due anni fa con 83 punti riuscimmo a conquistare i playoff, mentre in questo campionato c’è più equilibrio e penso che basteranno meno punti. Il Brescia credo che sia una delle squadre che lotterà per i primi posti fino alla fine”. Questo pomeriggio i giallorossi hanno svolto una seduta pomeridiana d’allenamento al Colaci di Calimera; allarme rientrato per Munari e Schiavi che hanno ripreso ad allenarsi regolarmente con il resto del gruppo e che con molta probabilità verranno convocati per il posticipo di lunedì sera allo “Scida”. Mentre capitan Giacomazzi e Belleri hanno effettuato corsa a bordo campo, Rosati è stato impegnato in una seduta di scarico e Defendi ha svolto lavoro differenziato in piscina.