Estate atipica, potrebbe ritornare la neve

Estate atipica, potrebbe ritornare la neve

Il gran caldo che sta inondando gran parte dell'Italia sembra avere le ore contate. Fra domenica e lunedì un nucleo di aria fredda attraverserà la nostra penisola e, in alcune zone montuose, porterà addirittura la neve.

In effetti - secondo il meteorologo Mario Giuliacci "l'ondata di caldo iniziata una settimana fa sulle regioni centro-meridionali sembrava che potesse essere un chiaro segnale del definitivo avvio della bella stagione. In realtà - spiega Giuliacci - non é stato così perché almeno sul Nord Italia e, marginalmente, al Centro hanno seguitato ad imperversare i temporali, mentre la calura al Centro sud si è sempre mantenuta quasi ovunque su toni sommessi, tanto che i 33-35 gradi sono stati raggiunti solo sulla Puglia".

L'estate stenta a decollare e sembra intenzionata a farci assaporare anche un po' di freddo, pur se limitatamente alle regioni settentrionali.

Un nucleo di aria fredda, infatti, appena staccatosi dal circolo polare, sta viaggiando rapidamente verso Sud e raggiungerà le Alpi domenica prossima con probabili nevicate intorno ai 1700 metri, per poi traversare, tra domenica e lunedì, tutta l'Italia.

Con quali effetti? "A parte le piogge che tra sabato e domenica interesseranno quasi tutta l'Italia - osserva Giuliacci - le temperature domenica caleranno di di 4-8 gradi su tutte le regioni del Nord Italia, 2-3 gradi sulle regioni centro-meridionali con valori di massima che si prevedono essere di 12 gradi ad Aosta, 15 a Cuneo 15, 16 a Trento, 17 a Torino e Bergamo, 22 a Roma e Napoli. Lunedì poi le temperature subiranno un ulteriore calo di 2-3 gradi sulle regioni Medio Adriatico e su quelle meridionali. In rapida risalita invece sulle regioni di Nordovest".