Puglia da scoprire nelle Giornate Europee dei mulini

La storia degli antichi mulini rivive ogni anno a primavera grazie alle Giornate Europee dei Mulini in programma questo weekend. Questi simboli del fare sono preziosi scrigni che esprimono la cultura di luoghi diversi eppure uniti da una tradizione tramandata nel tempo. Domani, sabato 20 Maggio, e domenica, la manifestazione che riunisce i numerosi operatori che si occupano delle antiche macchine idrauliche del territorio europeo, fa tappa anche in Puglia con un itinerario dedicato al cuore dell'archeologia industriale del Mezzogiorno d'Italia.

La quinta edizione delle Giornate Europee dei Mulini si arricchisce di percorsi e di "amarcord" legati alla produttività di un tempo, l'idea nasce in Francia ed è stata attuata in Italia dall’Associazione Italiana Amici dei Mulini Storici (AIAMS) a partire dal 2012, l'obiettivo è promuovere e valorizzare gli opifici idraulici (mulini, segherie, fucine, follatoi,) e le attività che si svolgevano in passato, ma che in alcuni casi sono praticate ancora oggi.
Proprietari e gestori aprono dunque le porte di luoghi di lavoro pronti ad accogliere il pubblico interessato al funzionamento delle ruote, non solo idrauliche, e ai racconti legati alla vita quotidiana di mugnai, segantini e fabbri.

Insieme alla storia della tecnologia e delle professioni artigiane vengono affrontate problematiche relative alla salvaguardia di edifici con valenza storica e architettonica, al turismo educativo e alla valorizzazione di siti ambientali di pregio. Il tema scelto per l’edizione 2016 dell’evento è la molitura del mais.
Le due tappe imperdibili del percorso pugliese, di cui SalentoWeb.Tv è media partner, si svolgeranno ad Altamura e a Pulsano a cura di IBAM-CNR, l'Associazione Italiana per il Patrimonio archeologico industriale, AIPAI Sezione Regionale della Puglia e l'Associazione Culturale La Ngegna. A dare il via al programma uno speciale focus a cura dell'Architetto Antonio Monte che domani, a partire dalle ore 9.30, nella Sala del Museo Etnografico, presenterà ad Altamura, insieme a Paola Durante e Sofia Giammaruco, il libro "I molini e l'industria molitoria in Puglia". A seguire la visita al Molino artigianale Dibenedetto con un'importante introduzione a cura del Prof. Antonio Monte ed Emma Capurso: I mulini di Altamura tra storia, memoria e identità di una comunità.
A Pulsano, invece, è in programma la visita al rione dei Molini vecchi e agli Stabilimenti industriali di Francesco Scoppetta costituiti dal molino a doppio palmento molino a cilindri farinificio e pastificio.
Naturalmente, rientrano nella categoria mulini anche tutti quegli opifici che utilizzano l’energia idraulica per il loro funzionamento. Quindi le segherie, i magli, i frantoi, le pile da riso, gli ex mulini industriali a vapore trasformati in musei dove l’archeologia industriale si è evoluta con fini documentali e didattici, i mulini a vento con funzione sia molitoria che di pompa idraulica e le aziende agricole che hanno all’interno mulini per la trasformazione dei loro prodotti. Un mondo magico da riscoprire.

Ecco il programma pugliese:

ALTAMURA

Sabato 21 maggio 2016
Ore 9.30
Sala del Museo Etnografico
Saluti del Sindaco prof. Giacinto FORTE
presentazione del volume
"I molini e l'industria molitoria in Puglia", In-Cul.Tu.Re, di Antonio MONTE, Paola DURANTE, Sofia GIAMMARUCO

I mulini di Altamura tra storia, memoria e identità di una comunità
Emma CAPURSO e Antonio MONTE
Visita al Molino artigianale Dibenedetto
a cura di Angela e Paolo Dibenedetto

PULSANO
Sabato 21 maggio 2016
Ore 16.30
Saluti del Sindaco avv. Giuseppe ECCLESIA
Visita al rione dei Molini vecchi e agli Stabilimenti industriali
di Francesco Scoppetta costituiti dal molino a doppio palmento molino a cilindri
farinificio e pastificio

a cura dell'Associazione culturale La Ngegna