EuTower e Fòcara di Novoli: il parere della Fondazione Fòcara

EuTower e Fòcara di Novoli: il parere della Fondazione Fòcara

La maestosa Fòcara di Novoli torna a far parlare di sé. Dopo essere divenuta il simbolo per eccellenza del connubio tradizione-innovazione è pronta per affrontare una nuova sfida: essere la musa ispiratrice della Eu-Tower di Lecce2019, uno dei progetti inseriti nel Bid Book ora all’esame della Commissione Ue.

L’idea è quella di recuperare l’antica torre di avvistamento della marina leccese, una delle tante disseminate lungo la costa salentina, e trasformarla in un belvedere. La Eu-tower, simbolo di pace nel cuore del Mediterraneo, consentirà la conservazione della torre e richiamerà la cultura popolare sia nel materiale utilizzato per la sua realizzazione, cioè il legno, sia nella morfologia e nella tecnica che verrà usata per la costruzione, tipici della Fòcara di Novoli.

Il Sindaco di Novoli Oscar Marzo Vetrugno ringrazia l'Assessore del Comune di Lecce Severo Martini e la sensibilità di Airan Berg dicendo "Siamo in qualche misura soddisfatti non solo per aver scommesso ed investito sui temi predetti nella stagione sperimentale della conversione turistica pugliese, ma anche e soprattutto per aver affidato alla cultura immateriale ed alla Fòcara in particolare il suo autentico e potente valore simbolico e di rappresentazione comunicativa delle qualità del nostro territorio, delle sue risorse umane e materiali, quale straordinaria sintesi di una terra e di un popolo, affidando alla sua storia ed alla sua immagine il ruolo contemporaneo di faro e fuoco dell’accoglienza, messaggero di pace, e dei diritti umani nel mondo, valori autentici della cultura mediterranea".

Il primo cittadino di Novoli ad ogni modo invita tutti alla riflessione con queste parole "Gli archetipi ispiratori non possono essere richiamati solo per il loro potenziale valore. Agli stessi occorre garantire continua ossigenazione esercitando una tutela attiva e costante, con un protagonismo equivalente al prodotto culturale contemporaneo, in un processo di scambio rigenerativo e di valorizzazione che solo la cultura può garantire per i desiderati effetti di sviluppo del territorio.

Il dialogo tra arte contemporanea e la Fòcara che abbiamo attivato per le recenti edizioni ne è l’esempio e si rinnoverà per il 2015 con l’installazione di Kounellis.
Resta obiettivo importante e irrinunciabile per tutte le attività da potenziare per il 2015 l’occasione dell’EXPO’ per la quale tutto il territorio è chiamato ad impegnarsi in maniera univoca. Da parte nostra abbiamo già rivolto all’assessore regionale Barbanente, coordinatore responsabile per la presenza delle risorse e degli eventi di Regione Puglia all’interno dell’esposizione universale di Milano, l’invito a promuovere la Fòcara come simbolo di riferimento regionale, e immagine trainante degli altri importanti marchi espressione delle qualità del territorio pugliese.

Ci auguriamo pertanto che il lavoro e l’attenzione condivisa da tempo tra i protagonisti ai diversi livelli istituzionali sui temi in questione si trasformi in azione reale e condivisa per l’appuntamento di Milano.

Saremmo veramente poco credibili se a Milano, ci fosse Eu-tower per Lecce 2019 senza la Fòcara. Sarebbe insomma come se la Banca d’Italia stampasse moneta senza avere i lingotti, e cioè falsa moneta senza il reale controvalore archetipo oppure come se alla torre simbolo della nostra storia futura mancassero le solide fondamenta di quella passata".