Riecco "Fiordibarocco": il concorso di arte floreale a Lecce

“E’ uno dei più bei progetti promossi dall’Amministrazione Comunale per i cittadini e per i turisti”. Massimo Alfarano, assessore alla Cultura del Comune di Lecce, “benedice” Fiordibarocco, il concorso internazionale di decorazione floreale, giunto oramai alla dodicesima edizione.

La manifestazione, inserita nell’ambito del progetto Lecce capitale dei weekend”, è stata presentata nella sala giunta di Palazzo Carafa alla presenza anche del sindaco Paolo Perrone. “Lecce è una città straordinaria - ha spiegato il primo cittadino - ma il nostro obiettivo non è solo quello di offrire le infinite bellezze del nostro patrimonio artistico e paesaggistico, ma anche quello di garantire eventi di qualità. Fiordibarocco è uno di questi”.

“Fiordibarocco - spiega Rossella Epifani, ideatrice e organizzatrice della manifestazione - per le peculiarità che lo caratterizzano persegue dal suo esordio due finalità: promuovere turisticamente la nostra città e dando ai fiori un ruolo di primo piano riproporre con questi un rinnovato rispetto e più attenzione verso la natura.

“È mia convinzione che quanti amano la natura comprendendone il fluire della sua energia vitale siano persone speciali. Saper ascoltare un linguaggio quieto e silente, leggere un lessico poetico composto di petali profumo colori, incantarsi per il sortilegio di un frutto progettato in un fiore e di una foglia che nasce e poi rinasce sullo stesso stelo, sottende più raffinate e sottili qualità di percezione della realtà”.

Otto in tutto le categorie in gara:

Cat.1 – Riservata ai professionisti
Il salone della regina Maria d’Enghien ospita un concerto di musica classica.
Composizione libera d'accueil
Cat. 2
Dedicata alla “vie en rose” ed a tutte le persone che amano questa canzone.
Composizione di sole rose

Cat. 3
Per esorcizzare la sottile malinconia che prende in un pomeriggio di fine estate in riva al mare, lo stereo del lido trasmette Bossa nova e Samba.
Composizione libera ispirata alla flora ed ai ritmi di latitudini esotiche.
Cat. 4 Dedicata al 150° anniversario dell’unità d’Italia
Ispirata alle note dell’inno di Mameli si vuole una composizione dedicata al 150° anniversario dell’unità d’Italia.
Cat. 5
Nei prati e nei giardini si possono ancora cogliere fiori di Primavera, realizzatene una ghirlanda ascoltando possibilmente la Primavera di Vivaldi, per nutrire la creatività della levità di una grazia gioiosa.
Cat. 6
“Dolce e chiara è la notte e senza vento”
Immaginate un tavolo sotto un pergolato di un terrazzo affacciato sul mare.
Apparecchiatelo per due e completatelo di centrotavola e segnaposti. Per ultimo amplificate lo sciabordio delle onde contro gli scogli con una musica di sottofondo che faccia sognare.
Cat. 7
In città Vasco Rossi spopola col suo concerto.
Per dimostrare agli amici più scettici che anche la decorazione floreale si pregia di linee compositive di gusto contemporaneo, realizzare in chiave moderna una composizione facendo il verso ad una delle canzoni più note del cantautore.
Cat. 8
Per la categoria dei fiori imposti si vuole una composizione che inneggi alla solarità mediterranea, e quale brano musicale più adeguato di ’O sole mio, griffato di fama mondiale, al quale ispirarsi.
La premiazione è fissata per sabato 7 maggio alle ore 20.30 all’ex Convento dei Teatini. Nella stessa location, dal 2 al 6 maggio, si terrà il corso di preparazione al concorso. Per informazioni e iscrizioni: www.fiordibarocco.it, info@fiordibarocco.it, tel. 0832343493.