"Teatro a 99 centesimi": tutti gli appuntamenti del Paisiello

"Teatro a 99 centesimi": tutti gli appuntamenti del Paisiello

Ritorna dopo il grande successo della scorsa stagione la rassegna "Teatro a 99 centesimi", un nuovo modo per conoscere e apprezzare il teatro nelle sue diverse forme. Reading letterari, spettacoli di prosa, spettacoli comico-musicali, progetti speciali con un biglietto d’ingresso simbolico.

La rassegna è ancora una volta affidata alla direzione artistica di Carla Guido, motivata dall’entusiasmo «di aver visto accostarsi palcoscenico un pubblico più assortito di quello che solitamente frequenta il Paisiello e soprattutto moltissimi giovani» .

Si è incominciato il 22 dicembre 2010, alle 21 (orario comune a tutti gli altri appuntamenti), con Massimo Wertmuller, atteso per il reading dell'Iliade di Omero nell’adattamento di Vito Cellamaro, che ne cura anche la regia.

Il 15 gennaio è stata la volta di Asfalto Teatro, in scena al Paisiello con il secondo studio della trilogia kafkiana, La condanna, che il regista Aldo Augieri ha affidato ad una complessa macchina scenica-tana che s’inoltra nei meandri letterari e teatrali del pensiero di Kafka.

Comedian è stata la proposta di Antonello Taurino per il 30 gennaio: l’artista salentino (noto al pubblico televisivo per le sue partecipazioni a Zelig Arcimboldi e Zelig Off) promette un recital esilarante che si rifà alla comedy e alla stand-up, con un testo che lui stesso ha composto e diretto e che, al Paisiello, vedrà la partecipazione straordinaria del sassofonista Raffaele Casarano. La compagnia Dosto &Yevski, il marzo, porta in scena la sua clownerie musicale, Rap-sodia, che prevede l’esecuzione di circa settanta brani di ogni genere (si va dal tango ai Beatles, dal rap a Modugno) su cui incombono improbabili burle e gag spietate.

Si cambia del tutto il 26 marzo con Lenòr, lo spettacolo che Carlo Bruni dirige in forma di concerto teatrale e interpreta insieme a Nunzia Antonino, con la partecipazione del quartetto Faraualla, ispirandosi al testo di Enza Piccolo sulla scrittrice e poetessa Eleonora de Fonseca Pimentel.

Ed è un progetto inedito quello che il 27 marzo coinvolgerà i sei attori-speaker dell’iniziativa dedicata agli ipovedenti, "Libro Parlato" (che proprio a Lecce ha una delle tre sedi italiane): La notte del 16 gennaio, tratta dall’omonimo dramma della scrittrice russa Ayn Rand, sarà proposta in una singolare forma di reading da sei speaker salentini, tra cui Carla Guido, Ivan Raganato e Alessia Bernardini.

Di "Teatro a 99 centesimi" fa parte anche il laboratorio "per signorine buonasera" , condotto da Tonio De Nitto e dalla stessa Guido, finalizzato alla costruzione di un’idea di coro per la tragedia euripidea: la partecipazione ai sei incontri, a partire da gennaio , è gratuita.

Appuntamenti:

22 dicembre 2010
I yourope lab
Omero, ILIADE. Il Reading.
con Massimo Wertmuller ed Anna Ferruzzo
adattamento e regia di Vito Cellamaro

Lettura scenica dell’Iliade di Omero: i personaggi omerici sono chiamati in scena a raccontare, con voce vicinissima alla nostra, la loro storia di passioni e di sangue, la loro grande avventura. Gli Dei sono lasciati sullo sfondo. Il reading riprende la traduzione di Maria Grazia Ciana in una prosa fluida, elegante e senza ridondanze, capace di conservare integro il fascino dell’antico, con i personaggi che narrano in prima persona singolare, eliminando del tutto le figure divine. Protagonisti sono gli uomini, con le loro debolezze e le loro paure, la loro forza guerriera che, in un testo che appare come un monumento alla guerra, rivelano una grande inclinazione alla pace.
Uno spettacolo di grande fascino. Accompagnamento con musiche originali di Domenico Ascione, suonate dal vivo con la chitarra.

15 gennaio 2011
Asfalto teatro
La condanna
Secondo studio della trilogia kafkiana
con Aldo Augieri e Antonio Cazzato
regia di Aldo Augieri

“La Condanna” è il secondo studio della trilogia kafkiana. Siamo nel cuore dell’opera di Kafka, in un punto nascosto, difficile da scovare, siamo nella tana della scrittura, nella tana del teatro, nello sgabuzzino del pensiero, siamo negli anfratti della voce. Siamo nell’anfratto più buoi, nella tana di un indefinibile animale, che parla e si parla addosso, evoca fantasmi, ricuce legami, cerca di montare pezzi di un puzzle, ma lui non è un investigatore, non sta cercando di risolvere un mistero, è qualcuno che si è rifugiato, si è nascosto per non essere scoperto… ma da cosa? Chi è che lo sta inseguendo? E’ un animale misterioso e sulla sua testa pende una condanna: la condanna a vagare nel deserto della sua stessa tana, a scomparire, a non essere più incluso nel branco insieme agli altri, a non essere più nessuno. Ma è inutile fuggire, la condanna lo viene a trovare e senza bussare apre la porta facendo scricchiolare le ossa. Racconti e frammenti sono montati a ritmo vertiginoso, a velocità altissima, c’è un filo sottile che collega i racconti: la Metamorfosi, la Tana, la Condanna, Bimbi sulla via maestra e il frammento intitolato Di notte, c’è sempre da interrompere il racconto e perdersi in qualche viuzza secondaria, verso Oklahoma? Verso il grande teatro?

30 gennaio 2011
Antonello Taurino
Comedian
scritto, diretto e interpretato da Antonello Taurino
collaborazione ai testi di Carlo Turati
partecipazione straordinaria di Raffaele Casarano

Antonello Taurino, noto al grande pubblico per la partecipazione al programma Zelig Arcimboldi con “Il Teatro senza Conflitto” e Zelig Off con “il Clerico Vagante”, rende omaggio alla grande tradizione della Stand-up Comedy inglese e americana. Uno spettacolo esilarante, un recital con tutti gli ingredienti del caso. Asta con microfono, occhio di bue, niente scenografi, temi politically uncorrect, citazioni colte, blues in sottofondo. In questo show i suoi personaggi come Il Clerico Vagante, Steve Perkiazzi e altri sono inseriti in una singolare cornice che serve anche a creare il gioco improvvisativi col pubblico e che è legata al particolarissimo prezzo del biglietto che il pubblico dovrà pagare: una battuta. Insomma si entra con lo sconto, ma a patto che lo spettatore venga munito di una battuta, calembour o freddura, meglio se inedita, da scrivere e lasciare in un cesto all’ingresso: verranno usate durante lo show. Dopo essere stato portato in scena per quasi tre anni nei locali di tutta Italia, “Comedian” approda nella straordinaria cornice del Teatro Paisiello con la partecipazione di una guest d’eccezione: il sassofonista Raffaele Casarano, col quale si creeranno momenti di improvvisazione e complicità.

Dopo la “cena sociale”, il primo esperimento di serata di “cabaret sociale”.
La rivoluzione copernicana della comicità: il pubblico fa ridere il comico!
Tutti possono far ridere: la democrazia applicata alla comicità!
Da non perdere. Prima che tutto ciò diventi illegale.

9 aprile 2011
Compagnia teatrale Dosto & Yevski
Rap-sodia

E’ un esplosivo intreccio di musica e comicità. Gli interpreti sono Dosto (pianoforte) e Yevski (contrabbasso), due musicisti accademici che hanno gettato alle ortiche la compostezza sinfonica per creare un viaggio tra i generi più vari, dal classico al tango, dalla musica popolare al rap, dai Beatles a Modugno e via elencando, passando per circa settanta brani, Lo spettacolo si snoda tra incidenti, burle e gag, fatte esclusivamente di suoni e gesti, senza l’ombra di un testo. Grazie ad accurati arrangiamenti si possono gustare gli accostamenti più improbabili, offerti da un contrabbasso e un pianoforte che superano ogni ragionevole limite.

26 marzo 2011
Diaghilev teatro
Lenòr
da un libro di Enza Piccolo
concerto teatrale di Carlo Bruni e Nunzia Antonino
dedicato a Eleonora de Fonseca Pimentel
voci Nunzia Antonino e Faraualla
regia Carlo Bruni

Portoghese d’origine, napoletana d’adozione, Eleonora de Fonseca Pimentel fu poetessa, scrittrice e una delle prime donne giornaliste in Europa. Protagonista nei moti partenopei del 1799 e di quell’effimera repubblica meridionale, condusse un’esistenza esemplare, appassionata e focosa, che ci parla ancora oggi, con grande forza, di libertà e giustizia, di amore e dignità. Eleonora combatté sino al patibolo la volgarità e l’inganno, l’ignoranza e la barbarie. La forma del concerto teatrale ne rievoca la storia in modo diretto e chiaro. E’ uno spettacolo per voci sole, che associa a quella dell’attrice Nunzia Antonino il canto polifonico delle Faraualla, componendo una “musica” che è biografia e sentimento.

27 marzo 2011
Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti
“La notte del 16 gennaio “ di Ayn Rand
con Carla Guido, Ivan Raganato, Alessia Bernardini, Antonio Settami, Myriam Mariano, Donato Chiarello
regia Carla Guido

Interpreti dello spettacolo sono alcuni lettori-speaker del “Libro parlato”, importante realtà nazionale che ha a Lecce una delle sue tre sedi italiane. Questa piéce è un processo per omicidio senza verdetto predefinito. I giurati debbono essere scelti tra il pubblico, debbono assistere alla rappresentazione come dei veri giurati e formulare un verdetto al termine dell’ultimo atto.

“…chi viene processato in quest’aula? Karen Andrè? No! Voi stessi, signore e signori della giuria, sarete oggetto del vostro giudizio. Saranno le vostre anime ad essere messe a nudo quando pronuncerete il vostro verdetto”

MEDEA LAB
LABORATORIO PER SIGNORINE BUONASERA
condotto da Tonio De Nitto e Carla Guido

Un laboratorio teso alla costruzione di un’idea di coro per la tragedia euripidea: un coro formato da donne, ma anche da chi solo possa sentirsi tale. Si proverà a cercare anacronisticamente quella linearità, quella trasparenza di un tempo, quando la televisione era in bianco e nero e la malizia non degenerava nella volgarità, l’assemblea era un momento imprescindibile della società e noi non eravamo solo spettatori tossici di un ennesimo talk show.

Il laboratorio si terrà in sei incontri ad aprile 2011; la partecipazione è gratuita.

I partecipanti saranno selezionati in base a curriculum e lettera di motivazione; il modulo d’iscrizione può essere scaricato dal sitowww.comune.lecce.it. Per informazioni: 320 0119048.
Ingresso spettacoli: € 0,99.

Tutti gli spettacoli inizieranno alle 21.00
Prevendita ed informazioni:
Castello Carlo V, via XXV Luglio, 0832 246517
URP tel.: 800215259