Disfatta Gallipoli e il Vicenza esulta

Disfatta Gallipoli e il Vicenza esulta

(C.L.T) Gallipoli choc. Gli uomini di Giannini fanno un pesante passo indietro dopo la bella e inaspettata vittoria in casa del Sassuolo e si rendono protagonisti di una giornata da dimenticare. Gallipoli- Vicenza finisce 0-5, un risultato che lascia spazio a poche interpretazioni.

I giallorossi sembrano essere rimasti nel tunnel degli spogliatoi, sembrano una squadra priva di stimoli e senza voglia di cambiare le sorti di una partita che ha preso una brutta piega sin dai primi minuti di gioco. Partono forti gli ospiti con Madonna, ultimo arrivato in casa biancorossa, che fa tremare in più occasioni il Via del Mare. Gli ospiti aprono le danze solo dopo tre minuti proprio con Madonna che supera in diagonale Koprivec, dopo lo splendido ed invitante tacco di Bjelanovic. All’ 11 il bomber croato porta la sua squadra sullo 0-2 con un colpo di testa su calcio d'angolo di Paonessa e inventa anche il 3-0. Sponda di testa del capitano che ispira Madonna, il cui diagonale supera un poco reattivo Koprivec. A fine gara Fabrizio Carafa (preparatore dei portieri), in panchina al posto dello squalificato Giannini, analizza la larga sconfitta dei suoi: ”Siamo incappatti in una giornata storta e negativa e quindi il risultato finale ci può anche stare. Più che le assenze di Pederzoli e Grandoni credo che alla squadra sia mancata anche la grinta di Mister Giannini in panchina. Le abbiamo provate davvero tutte con il cambio di modulo e con i vari cambi per cambiare la partita, ma non c'è stato verso. Ora -continua Carafa- dobbiamo guardare avanti e sono certo che la squadra saprà reagire”.