La Puglia penalizzata dalle recensioni su Booking

A penalizzare la Puglia il dato relativo all’indicatore calcolato su Booking riguardo la valutazione dei turisti online sulle strutture ricettive, che la vede ultima con 57,4. A dirlo l’Istituto, specializzato in indagini di mercato e sondaggi di opinione, che ha analizzato gli orientamenti, i comportamenti, e le richieste di informazioni on line da parte degli utenti del web, turisti potenziali e reali.

La Puglia, nella rosa dei dieci della classifica generale, è “Regina del Sud”, con la maggiore reputazione turistica del Mezzogiorno. Sul risultato della destinazione pugliese hanno pesato le buone perfomance legate alle attività di content marketing messe in campo per valorizzare la visibilità e la notorietà del portale istituzionale sul turismo e il significativo livello di fiducia dei viaggiatori sulla destinazione. Ottime le performance ottenute: dal portale istituzionale, che attesta la Puglia al terzo posto nella classifica nazionale con 52,4 punti; dalle reti sociali (Facebook e Twitter) che la vedono ottava nella classifica Facebook con 29,9 punti e settima nella classifica Twitter con 46,7 punti; dal posizionamento on line delle destinazioni, che premia la Puglia con un quarto posto con 91,3 punti; dall’apprezzamento dell’offerta ricettiva per destinazione su Tripadvisor, che pone la Puglia all’ottavo posto con 36,5 punti. A penalizzare la Puglia il dato relativo all’indicatore calcolato su Booking riguardo la valutazione dei turisti online sulle strutture ricettive, che la vede ultima con 57,4.

L’indagine Regional Tourism Reputation Index (RTR) ha analizzato 129 milioni di pagine indicizzate, 2,5 milioni di like sulle reti sociali, 35 milioni di recensioni, circa 340 mila strutture ricettive.
“La Puglia ha saputo conquistare, passo dopo passo, - commenta il presidente di Demoskopika, Raffaele Rio - una rilevante reputazione puntando caparbiamente a intercettare l’interesse e l’attenzione dei potenziali turisti attraverso un adeguato impiego del portale istituzionale turistico e delle reti sociali. La destinazione regionale sta valorizzando il passaparola 2.0, cioè il flusso continuo di informazioni, positive o negative, condivise sul web, concorrendo gradualmente a determinare una crescita della credibilità della destinazione pugliese nel suo complesso. Da non sottovalutare – precisa Rio - che la credibilità di un territorio, così generata, orienta e condiziona ogni segmento di domanda turistica che, in linea con le proprie aspettative e smanioso di pianificare la vacanza nel miglior modo possibile, è significativamente attento a raccogliere informazioni per concretizzare il processo decisionale nella scelta della destinazione turistica. In questa direzione, il Regional Tourism Reputation Index ideato da Demoskopika intende offrire anche ai decisori politici pugliesi locali un’analisi comparata riguardante ciascun territorio regionale, per migliorare la qualità complessiva dell’offerta turistica. Favorire la costruzione di una reputazione positiva produce, senza alcun dubbio, alcuni benefici per l’offerta turistica quali l’incremento dei flussi, maestranze maggiormente qualificate e, infine, una più mirata concentrazione di investimenti settoriali”.