Incontro Università Enti e politici

rettore

Ora tocca ai politici tener fede alle loro intenzioni ed attuare le loro proposte.

Questo alla fine dell’incontro tra Università, Enti e politici. E’ stata concessa circa una mezz’ora accademica prima di dare inizio al confronto, poi, una full immersion di tre ore per discutere dello stato di salute dell’Università del Salento. Il Rettore, Domenico Laforgia, ha esordito spiegando il quadro economico del 2010 con i tagli sui finanziamenti ordinari attuati ed in prospettiva, quello del 2011. Alcune cifre: nel bilancio del 2010, le uscite, tra personale, spese contrattualizzate, utenze e canoni e oneri vari, le uscite ammontano a 1.027.358 euro, saliranno a 1.042.768 nel 2011. Senza contare che comunque ci sono altre spese da mettere in conto e che, in conclusione, se nel 2010 il bilancio si ferma in pareggio, nel 2011 si arriva a -21.490.481.

Il rettore ha poi evidenziato gli sforzi, che sono stati fatti per contenere le spese, e che gli sono valsi la menzione tra gli atenei più virtuosi. Ha risposto così, velatamente, alle dichiarazioni di alcuni esponenti politici apparse sulla stampa e dopo aver lanciato le sue tre vie da seguire per scongiurare il peggio, ossia far rivedere dal Governo la modalità dei tagli dei finanziamenti eseguiti in modo lineare; attuare il sistema del federalismo universitario, in modo da ricreare un organismo secondo il modello sanitario; oppure il trasferimento di tutti gli oneri stipendiali direttamente a carico del Ministero, ha dato la parola agli astanti.

Assodato da tutti che la loro presenza non era da intendersi come la solita “passerella politica”, ma che invece tutti avevano a cuore l’Università, i vari esponenti delle istituzioni sono intervenuti, a turno, parlando ognuno, con più o meno cognizione di causa.
Tra gli interventi l’onorevole Teresa Bellanova ha proposto un incontro tecnico con il Miur; la senatrice Adriana Poli Bortone invece ha chiamato in causa tutti gli enti del territorio, per aiuti concreti; la vicepresidente alla regione Puglia, Loredana Capone, ha dato notizia dell’accordo di programma con tutti i rettori pugliesi.
Inevitabile lo sconfinamento del dibattito sullo scontro politico, ed in particolare sul discorso Nord - Sud.

L’intervento di chiusura del rettore Laforgia è stato breve: limitandosi a ringraziare gli intervenuti ha voluto precisare che non sarà più organizzatore di un nuovo incontro come quello tenutosi, aspetterà che tutti coloro che hanno avanzato proposte cerchino di attuarle. Ciò non significa che lascerà a loro la gatta da pelare, anzi, continuerà a sollecitare le varie parti per raggiungere una soluzione condivisa.