Il Gallipoli batte la Salernitana e sogna il miracolo

Il Gallipoli batte  la Salernitana e  sogna il miracolo

La Salernitana in campo per la dignità, il Gallipoli per la salvezza. Ezio Rossi ripropone il 4-3-1-2 di Mantova, in avanti ci sono Di Carmine e Paez, supportati da Depetris. Tra i giallorossi sono indisponibili per squalifica Viana, Mounard e Pallante.

Nella Salernitana Cerone fa scendere in campo l'ormai collaudato 4-3-1-2 con Merino ad ispirare Capone e Caputo e propone una linea difensiva inedita con Soligo nel ruolo di terzino destro e Pepe alla sua terza gara di fila.

Si parte a ritmi bassi, le due squadre sono molto corte e si studiano senza grossi spunti. Al 4' minuto arriva la prima emozione del match con Merino che crossa dalla destra per Caputo, ma il traversone è troppo lungo e viene intercettato da Daino.

Al 6' Scaglia su punizione crossa per la testa di Tagliani, ma lo stacco del centrale ionico non crea nessun problema a Iuliano.

Nei primi 15' la Salernitana è superiore ai padroni di casa in quanto a possesso, ma è il Gallipoli a creare le migliori occasioni per portarsi in vantaggio.

Al 14' Doveri assegna ai padroni di casa una punizione per un fallo a metà campo su Depetris, Scaglia non sbaglia, supera un incolpevole Iuliano e porta i suoi sull'1-1.

Al 21' Depetris viene atterrato in area da Soligo, il fischietto romano assegna un rigore agli uomini di Rossi e Scaglia dagli undici metri supera Iuliano.

A fine primo tempo gli ospiti cercano timidamente il pareggio con il solito Carcuro che da fuori area tenta di sorprendere il portiere sloveno, ma il tiro finisce di poco fuori.

Si va al riposo sul 2-1 per i padroni di casa. Ad avvio ripresa gli amaranto partono a razzo e Merino al 1' supera tre avversari e conclude, ma Koprivec non si fa trovare impreparato.

La Salernitana con il trascorrere dei minuti si spegne e fa poco per portarsi sul 2-2, tranne che con qualche sporadica azione di contropiede quasi sempre ispirata da un pimpante Merino, non degnamente supportato dai compagni di reparto.

Al 22' l’esordiente Centi fa tremare la difesa campana, ma il suo diagonale va di poco fuori. Due minuti dopo Soligo si coordina e ci prova dalla distanza, ma il suo destro va a finire alto sopra la traversa.

Al 27' Orlando porta i suoi sul 2-2 con un gol in scivolata di destro, ma non trascorrono nemmeno 2’ minuti e Centi, dopo una mischia in area e una traversa colpita da Sosa, segna il gol del definitivo 3-2.

Dopo cinque sconfitte di fila, i galletti agguantano 3 punti, si portano così a 40 punti e continuano a sperare nel miracolo salvezza.