Gallipoli, battere la Salernitana per evitare il collasso

Gallipoli, battere la Salernitana per evitare il collasso

Il Gallipoli si immerge nella realtà. Qualcuno, giustamente direbbe, nella dura realtà. Dopo i due giorni da sogno trascorsi dai giallorossi ad allenarsi sui campi del manto erboso dell'Hilton Acaya Club Resort Lecce -interamente regalati alla sua squadra da un più che generoso Ezio Rossi- i galletti sono tornati ad allenarsi sull'erba artificiale del "Bianco" per la seduta di rifinitura, in vista dell'arrivo della Salernitana al "Via del Mare".

Il tecnico torinese, dopo le cinque sconfitte di fila subite da quando è alla guida degli ionici, le sta provando tutte per "rianimare" i suoi in vista delle ultime sei partite della serie cadetta che valgono un posto in paradiso: "Ho voluto portare la squadra all'Hilton- spiega Rossi- per dimostrare che io credo ancora fino in fondo nel miracolo salvezza".

Contro la già retrocessa Salernitana il tecnico giallorosso dovrà fare a meno degli squalificati Pallante, Viana e Mounard e degli "acciaccati" Sciarrone (bloccato da un dolore al ginocchio), Volpato (fermato dal riacutizzarsi del dolore alla caviglia) e Franchini (per un problema ai flessori della coscia), quindi Rossi dovrebbe affidarsi al 4-3-3 che potrebbe essere un "mascherato" 4-3-1-2 con Manuel Mancini a supporto del tandem d'attacco Artistico-Di Carmine.

Daniele Doveri di Roma dirgerà Gallipoli-Salernitana, in programma sabato 24 marzo, alle ore 15.30 al Via del Mare.