Festival del Cinema Europeo - La nostra presentazione

Dal 13 aprile l'XI edizione del Festival del Cinema Europeo

(Caterina Sabato) Ritorna a Lecce il grande cinema con l’undicesima edizione del Festival del Cinema Europeo che si svolgerà, come ogni anno, presso il Cityplex Santa Lucia (dal 13 al 18 Aprile). Salentoweb.tv, web partner dell'evento, dedicherà alla manifestazione un canale all'interno della sua piattaforma. C'è grande attesa per il superospite Carlo Verdone, attore e regista amatissimo dal pubblico italiano.

Con il suo talento e il suo umorismo - sin dall’inizio della sua carriera - ha dato nuovo smalto alla commedia italiana creando personaggi indimenticabili come il coatto Ivano di "Viaggi di nozze", l’hippie Ruggero interpretato in "Un sacco bello" o l’esasperante Furio in "Bianco rosso e Verdone".

A Verdone verrà dedicata una rassegna dei suoi film più importanti; in onore del padre, Mario Verdone, saggista e storico del cinema, recentemente scomparso, sarà intitolato un premio per il giovane autore che più si è contraddistinto nell’ultima stagione cinematografica. Gli autori, tra i quali sarà scelto il vincitore della prima edizione del premio, sono Valerio Mieli per "Dieci inverni", Susanna Nicchiarelli per "Cosmonauta", Claudio Noce per "Good Morning Aman"; farà parte della giuria anche la famiglia Verdone.

Tra gli altri ospiti del Festival è prevista anche la presenza di giovani attori come Cristiana Capotondi, Filippo Nigro e Violante Placido. Tante saranno le anteprime, come l’ultimo lavoro del cantante e regista Federico Zampaglione che presenterà "Shadow".

Naturalmente non mancheranno i film in concorso per la sezione Lungometraggi europei, uno dei quali si aggiudicherà l’Ulivo d’Oro. Le indiscrezioni parlano anche della probabile presenza al Festival dell’attore Christian De Sica, compagno di strada nonché cognato di Verdone, che verrebbe a Lecce per rendere omaggio al suo grande amico.

Ma il Festival a Lecce non è solo divertimento ma anche riflessione su temi sociali non solo attraverso l’ormai consolidata sezione "Cinema e realtà" ma, quest’anno, anche grazie all’omaggio che si farà al regista turco Ylmaz Guney, scomparso a soli 47 anni nel 1984, dopo l’esilio in Francia. I suoi film, i suoi libri, la sua immagine vennero messe al bando dalla giunta militare turca. Poco conosciuto dal grande pubblico, Guney è il simbolo di una resistenza cinematografica che ispira ancora oggi nel suo paese le nuove generazioni di registi e intellettuali. Durante i sei giorni del Festival si potrà assistere a tutta la sua produzione cinematografica.

Fra una settimana, dunque, il grande spettacolo arriva a Lecce!
Non mancate!