Corvia: "Il mio futuro? La serie A con il Lecce"

Corvia: "Il mio futuro? La serie A con il Lecce"

Con la Roma e il Lecce nel cuore. Per Daniele Corvia il Salento è ormai diventato la sua seconda casa e ora spera di restarci a lungo: "Ho firmato un contratto di quattro anni e spero veramente di continuare a giocare a lungo con la maglia giallorossa. Due anni fa abbiamo conquistato la serie A con Mister Papadopulo, ma non sono rimasto e non sono a conoscenza della motivazione. Forse Beretta? Ora non c'è più lui alla guida della panchina giallorossa- sorride il bomber romano- e quindi non sussiste il problema".

I capocannoniere giallorosso, dodici centri da inizio campionato, ritorna sul rimpianto pareggio di venerdì sera al "Castellani" di Empoli: "C'è rammarico per i tre punti non conquistati contro gli azzurri visto che vincevamo la partita per
0-2, ma ora dobbiamo vedere il bicchiere mezzo pieno. Ci prendiamo il punto conquistato ad Empoli e pensiamo alla prossima partita con il Torino che non sarà una gara facile. Venerdì sera abbiamo disputato un'ottima mezz'ora o meglio per tutto il primo tempo abbiamo gestito al meglio la gara, ma quel rigore ci ha innervositi. Dovevamo chiudere la partitra prima con le occasioni che abbiamo avuto in contropiede con me, con Defendi e con Munari: è stato questo il nostro sbaglio".

Sabato il Lecce ospiterà il Torino al "Via del Mare" e Corvia è consapevole che non sarà una passeggiata affrontare gli uomini di Colantuono: "I granata dopo quel periodo di crisi si sono ripresi alla grande e ora stanno bene sia fisicamente che mentalmente, sarà una partita aperta e verranno qui per i tre punti, ma anche noi puntiamo alla vittoria, quindi credo che nessuna delle due squadre si risparmierà. A mio parere, quella con il Torino sarà una delle gare più importanti del campionato, che dovremo giocare con tranquillità perché al massimo dovranno essere loro ad essere preoccupati, visto che sono a sei punti da noi".

Dodici gol messi a segno dall'inizio del campionato e tanta voglia di continuare fare bene nelle 9 partite rimanenti alla fine della serie cadetta: "Sono contento di essermi ripreso da quel periodo di appannamento, ora sto vivendo un buon momento e riesco a rendermi utile anche per la squadra. Quanti gol spero di segnare fino alla fine del campionato? In estate avevo detto quindici, ma ora non faccio previsioni, mancano ancora 9 partite e spero solo di continuare a fare ancora bene".

Dopo i due giorni di riposo concessi da Gigi De Canio alla squadra, i giallorossi si sono ritrovati questo pomeriggio nel quartier generale di Calimera per iniziare la settimana di preparazione alla sfida di sabato contro il Torino.

Erano assenti in permesso Lepore, Giuliatto, Vives e Marilungo (bloccato da uno stato febbrile), mentre Baclet, Munari, Angelo e Bertolacci hanno svolto lavoro differenziato.

Allarme rientrato per Emanuele Terranova (non convocato per la trasferta di Empoli per un'infiammazione tendinea) che si è allenato regolarmente con il resto del gruppo.

Per la giornata di domani il tecnico di Matera ha previsto una doppia seduta d'allenamento, sempre sul sintetico di Calimera.