Lecce Gallipoli 1-0. Le pagelle

Lecce Gallipoli 1-0. Le pagelle

Lecce (4-4-2)

Rosati 6: Ordinaria amministrazione. Non è molto impegnato, rimane comunque attento e concentrato per tutta la partita.

Belleri 6: Metodico. Preciso e determinato: copre dietro con attenzione e se incappa in qualche "svarione", ci mette sempre una pezza. Poteva costargli cara l'"ingenuità" su Viana.

Terranova 6.5: Intonato. Sicuro e lucido nel ruolo di centrale. Sempre attento: non ha difficoltà ad avere la meglio sui tentativi di affondo dei galletti. Mantiene bene la posizione e prova anche a sorprendere Sciarrone dalla distanza.

Ferrario 6: Ordinato. Partita senza infamia e senza lode. Sulle palle alte è insuperabile, per il resto si impegna il giusto e non permette ad Artistico e compagni di mettere in serio pericolo Rosati.

Mesbah 6.5: Eclettico. Un mastino che morde e non molla l'osso fino al triplice fischio. In difesa o a centrocampo dice sempre la sua senza mai sfigurare. Corsa continua e sempre meno disattenzioni: uno dei migliori per impegno. Ci prova su punizione, ma Sciarrone c'è.

Angelo 6: Dinamico. Chiude con una certa efficacia, ma è troppo impreciso in fase di costruzione e sbaglia malamente un paio di cross da buona posizione. E' comunque preziosa la sua presenza sulla destra.

Vives 6.5: Volenteroso. Corre tanto, gioca a testa alta e controlla bene il centrocampo, lottando e coprendo costantemente gli spazi. Lavoro oscuro, ma preziosissimo.

Giacomazzi 6.5: Consistente. "Tentenna" nel primo tempo, ma poi si riprende. Solida diga a centrocampo, contrasta le iniziative del Gallipoli e stringe i denti nel finale. E' suo l'assist dalla sinistra per il gol di Corvia.

Munari 6: Fantasioso. La sua manovra spazia dall'attacco, al centrocampo alla difesa senza mezze misure. Ha il dono dell'ubiquità e lotta con coraggio e grinta da vendere. Meno bene nel primo tempo.

Marilungo 6: Coraggioso. Lotta per tutta la partita contro la retroguardia ionica, difende un gran numero di palloni e ovviamente paga al momento di concludere. Ma il suo lavoro è fondamentale per la squadra di De Canio.

Baclet 5: Sotto tono. Parte titolare, ma lui rimane dietro le quinte. Corre tanto, ma spesso a vuoto e non si rende mai pericoloso.

Di Michele (10' st) 6:Irrequieto. Entra e crea apprensione alla retroguardia ionica. E' impreciso, ma gli spunti di qualità del Lecce sono affidati al suo coraggio e ai suoi piedi.

Corvia (22'st) 7: Decisivo. Parte dalla panchina, realizza il gol partita (stoppa il pallone con il petto e supera in diagonale Sciarrone) e scappa a fare festa sotto la Curva Nord. Undicesimo gol stagionale e tanta voglia di dimostrare di essere importante per questo Lecce.

Fabiano (43' st) sv

De Canio 6.5: Dopo un primo tempo in cui il Lecce ha fatto davvero poco, nella ripresa la capolista scende in campo più motivata e porta a casa la terza vittoria in tre partite.

Gallipoli (3-5-2)

Sciarrone 6.5: Attento. Salva dalla distanza su Terranova e devia in angolo su una spigolosa punizione di Di Michele. Questo e altro ancora, ma non può fare il miracolo sul diagonale imprendibile di Corvia.

Abbate 6: C'è. Qualche patema di troppo quando viene puntato in velocità, ma disputa una partita attenta in fase di copertura. Salva sulla linea su una conclusione a colpo sicuro di Corvia.

Grandoni 6: Vigile. Alle prese con la velocità degli attaccanti giallorossi, soffre e deve ricorrere all'esperienza per non affondare e non affonda.

Pallante 6: Corsa e senso della posizione, a supporto delle continue ripartenze del Lecce. Meno lucido, quando si tratta di impostare.

Daino 6: Razionale. Precisa ed efficace la sua copertura in difesa, quando "scende" a soccorrere i compagni di squadra. Se ha la possibilità si affaccia con coraggio anche in avanti e ci prova dalla distanza.

Mancini 6.5: Ordine, sostanza e classe. Si dimostra padrone della zona mediana del campo, lanciandosi anche in azioni offensive solitarie. Ci mette la sua solita grinta ed è uno dei migliori tra i suoi.

Pederzoli 6: Concreto. Solita potenza fisica in mezzo al campo, recupera diversi palloni ed ha anche la lucidità per avviare ripartenze pericolose.

Viana 6: Volenteroso. Gran lavoro su e giù per il campo sia in fase offensiva che nei recuperi. Sul finire colpisce l'incrocio dei pali.

Lazzari 6: Propositivo. Grande impegno e spirito di sacrificio. Corre e pressa tantissimo mettendo in difficoltà la retroguardia del Lecce con il suo movimento e le sue accelerazioni.

Scaglia 6: Non male. Svaria molto su tutta la sua fascia, spesso si accentra, ma è lento e poco reattivo quando capitano dalle sue parti dei palloni interessanti.

Artistico 6: Lottatore. Solito contributo in termini di corsa e di sostegno ai compagni. Non può fare tutto lui, e paga, in termini di lucidità sotto porta.

Mounard (23' st) sv

Di Carmine (42' st) sv

Volpato (38' st) sv

De Pasquale 6: La sua squadra non vince e continua a navigare in brutte acque, ma non sfigura davanti al Lecce capolista.