Bertolacci si racconta: "Che emozione, il mio esordio in serie B"

Bertolacci si racconta: "Che emozione, il mio esordio in serie B"

Tu chiamale se vuoi, emozioni. La pensa proprio così, il centrocampista giallorosso, Andrea Bertolacci, sul suo esordio in serie cadetta di sabato scorso nello stadio casalingo contro la Triestina: "Per me è stato davvero emozionante esordire in serie B a soli 19 anni, ringrazio il Mister per avermi dato questa opportunità e per avermi sempre incoraggiato in questo periodo in cui non ho giocato".

Il baby prodigio, arrivato nel Salento dalla Primavera della Roma nel calciomercato di gennaio, racconta il momento in cui durante Lecce-Triestina ha capito che era arrivato il momento del suo debutto: "Dalla panchina mi avevano detto di riscaldarmi, ma subito dopo Pasquato ha segnato il gol dello 0-1 per la Triestina e quindi ho pensato che il Mister non mi avrebbe fatto più entrare, ma per fortuna non è andata così. Mi ha fatto tanto piacere che il mio allenatore abbia deciso di impiegarmi a partita in corso ed in un momento molto delicato della gara".

Sabato prossimo il Lecce incontrerà il Mantova e Bertolacci sogna di scendere in campo, ma è pronto a ritornare al suo posto: "Naturalmente spero di scendere in campo anche nella prossima partita, ma sarà il Mister a decidere a secondo del verdetto degli allenamenti settimanali e di quello che dirà il campo".

A chi gli chiede i suoi obiettivi futuri, il centrocampista giallorosso risponde così: "Dopo il mio esordio mi metto a disposizione della squadra. Mi auguro di collezionare quante più presenze possibili, anche se la cosa più importante è il bene del gruppo. E' ancora presto per pensare al mio futuro: ho solo 19 anni, devo ancora crescere, maturare, pensare a dimostrare il mio valore e a farmi conoscere, poi si vedrà".

Un ultimo commento va alla classifica della serie cadetta: "La serie B è un campionato molto difficile e lungo, chi gioca contro la capolista da sempre il massimo, ma noi siamo uniti e siamo un bel gruppo e fino alla fine riusciremo a raggiungere il nostro obiettivo".

Questa mattina i giallorossi si sono ritrovati al "Colaci" di Calimera per continuare a preparare con una doppia seduta d'allenamento, la sfida di sabato prossimo contro il Mantova.
Sempre assente Guido Marilungo, convocato in Nazionale Under 21 e che mercoledì affronterà l'Ungheria a Rieti. Si sono allenati a parte Munari (lavoro differenziato in piscina) e Defendi (ma nella seduta pomeridiana si è allenato con la squadra), mentre Giuliatto è ritornato a lavorare con il resto del gruppo. Domani una sola seduta d'allenamento, sempre a Calimera.