L’Ancona cala il tris al Gallipoli

L’Ancona cala il tris al Gallipoli

Il Gallipoli perde ad Ancona e torna a casa a mani vuote. Ancona- Gallipoli finisce 3-1 ed i galletti terminano il match in otto uomini.

I giallorossi sono spigliati, iniziano bene e spingono a dovere con Daino e Scaglia sulle corsie laterali ed il Gallipoli si rende anche pericoloso, ma è
l' Ancona a passare in vantaggio. Schiattarella non perdona: supera a centrocampo un avversario, se la intende con Colacone e insacca Sciarrone per il gol dell'1-0.
Giannini cambia tutto, ma i suoi non si rendono, quasi mai, pericolosi.
I padroni di casa vanno vicinissimi al raddoppio in almeno tre occasioni prima dell'intervallo. Al 43' il Gallipoli resta in dieci: espulso Lazzari per doppia ammonizione.
Ad inizio ripresa arriva il raddoppio dell’Ancona con il solito Mastronunzio. Gli ionici perdono anche Tagliani per un fallo da dietro su Mastronunzio, lanciato a rete.
Poco dopo gli uomini di Salvioni si portano sul 3-0 con Surraco ed al 35’ Artistico segna su punizione la rete della bandiera e mette la palla dove Da Costa non può arrivare.
Gli ospiti terminano la partita in otto per l'espulsione di Daniele Daino per fallo da dietro.
A fine gara, Giuseppe Giannini, dice la sua sulla larga sconfitta della sua squadra: "Non punto il dito contro l’arbitro: la direzione passa in secondo piano, non posso prendermela con l’arbitraggio".
Il tecnico romano continua: "Guardo alla prima mezzora, in cui siamo stati padroni del campo, ma abbiamo concesso troppo in un paio di occasioni che l’Ancona ha sfruttato grazie ai suoi giocatori dalle importanti doti di finalizzazione. Poi abbiamo un po’ perso la bussola -continua il Principe- ed è uscita fuori l’Ancona. Rimasti in dieci, abbiamo fatto molta fatica a resistere. Non mi è sembrato, però, che la pesante sconfitta di una settimana fa col Vicenza abbia pesato, anzi: la squadra è entrata in campo con buon piglio e carattere".