Blitz alla Camera: tagliati i fondi a radio e tv locali

Blitz alla Camera: tagliati i fondi a radio e tv locali

La notizia non ci piace. E lo diciamo subito. La Camera dei Deputati ha accolto un vero e proprio blitz all'interno del decreto legge milleproroghe in discussione. Dopo aver salvato ieri i contributi per giornali ed emittenti di partito, nell'emendamento appena approvato il Governo ha tagliato i fondi per le Radio e le Tv locali.

E' chiaro il gioco: salvare ciò che conviene di più, cioè i giornali e le tv di partito e lasciar naufragare i soggetti più piccoli, quelli che quotidianamente danno voce alle realtà territoriali. Il tutto poi per risparmiare pochi milioni di euro.
Domani intervisteremo il Segretario Generale Provinciale SLC CGIL, Salvatore Labriola che in un comunicato appena giunto in redazione ha dichiarato: "Ancora una volta questo governo nazionale agisce a scapito della democrazia e della libertà di informazione. Ora a essere colpite sono le Radio e Tv locali che offrono un prezioso servizio di informazione sui fatti che riguardano i territori. Una missione fondamentale garantita dalla pluralità delle voci e dalla presenza capillare nelle province e nelle città di tutta Italia, permettendo di accendere l’attenzione su fatti e notizie che, diversamente, sfuggirebbero allo sguardo dei grandi mass media, pubblici e privati".