Mesbah non ha dubbi: "Quello di San Siro non era il vero Lecce"

Mesbah non ha dubbi: "Quello di San Siro non era il vero Lecce"

(Carmen Tommasi)- E' stato uno dei migliori in campo contro il Milan, ma lui non sembra farci caso. E' già concentrato sulla prossima partita casalinga contro la Fiorentina. Djamel Mesbah è fatto così: umile, determinato e silenzioso, ma con una carica d'adrenalina sempre al top.

Il nazionale franco-algerino è pronto a scendere in campo domenica contro i viola alla ricerca del riscatto dopo la batosta di San Siro: "La Fiorentina gioca un buon calcio, ha un bravo allenatore e per noi sarà una gara difficile, ma giochiamo in casa e dovremo cercare di fare la nostra partita. Contro il Milan è stata una partita dura e lo sarà anche con i viola, ma noi stiamo lavorando per arrivare pronti alla partita di domenica prossima, contro una squadra che, a mio parere, a fine campionato occuperà i primi posti della classifica".

L'esterno giallorosso ritorna ad analizzare la pesante sconfitta di domenica scorsa a San Siro, ma è convinto che quello sceso in campo contro il Milan non è stato il vero Lecce: "A dire il vero, non sono io a dover dire se a Milano ho fatto bene o male, ma come sempre in campo ho dato il massimo e non ho avuto paura o timore degli avversari che avevo di fronte. Purtroppo, però, abbiamo perso per 4-0 e quello che viene prima di tutto è il risultato della squadra, quindi la mia prestazione non è servita a niente".

Sul calciomercato del Lecce, Mesbah la pensa così: "Sono arrivati giocatori di qualità, ma anche di esperienza e con il passare del tempo diventeremo una squadra sempre più compatta e unita, ma ora bisogna avere pazienza".

Domenica prossima contro i toscani, quasi sicuramente Gigi De Canio riproporrà l’ex esterno dell'Avellino in difesa come nello scorso campionato: "Penso che da quando sono arrivato a Lecce sono cresciuto molto e devo ancora migliorare tanto. Per me giocare sulla fascia sinistra, sulla linea dei difensori o dei centrocampisti non cambia nulla. E' il mister sceglie sempre i giocatori che gli offrono maggiori garanzie e quindi mi alleno sempre top per essere pronto a ciò che il tecnico vuole da me".

Un'ultima battuta è dedicata ai tifosi giallorossi: "In questo campionato nessuna partita sarà facile e noi dovremo pensare gara dopo gara, ma da ora e fino alla fine del campionato vedrete un Lecce diverso rispetto a quello di Milano, potete starne certi".