La carica di Rosati: "Vai Lecce, possiamo giocarcela con tutti"

La carica di Rosati: "Vai Lecce, possiamo giocarcela con tutti"

(Carmen Tommasi)- Anche dopo la roboante sconfitta contro il Milan, Antonio Rosati non perde la fiducia nel suo Lecce. L'estremo difensore di Moricone, 27 anni, si rituffa nel clima campionato e aspetta l'arrivo della Fiorentina al "Via del Mare", il prossimo 12 settembre, per dimostrare che la batosta di San Siro contro i rossoneri è stata solo un incidente di percorso.

Allora Rosati, contro il Milan è stato giudicato uno dei migliori in campo nonostante i quattro gol incassati, cos'è successo contro i rossoneri?
"Sinceramente avrei preferito prendere meno gol, vincere la partita e non risultare uno dei più positivi in campo. Tornando alla partita, a mio parere, domenica scorsa a San Siro siamo partiti abbastanza bene e con la giusta mentalità nei primi quindici minuti, ma dopo aver subito il primo gol c'è stato un momento di "sbandamento" di tutta la squadra e proprio per questa motivazione trovo difficoltà ad analizzare la nostra partita con chiarezza e lucidità. Sicuramente la nostra prima gara in serie A con una squadra del calibro del Milan, non ci ha facilitato le cose. E' stato un inizio di campionato non felicissimo, ma forse non eravamo ancora pronti mentalmente ad affrontate l'esordio in massima serie con una delle grandi del campionato".

Cosa pensa della "linea" difensiva fatta scendere in campo da Mister De Canio contro gli uomini di Allegri?
"E' il mister a fare le scelte e giustamente lui ha le sue idee e quindi agisce di conseguenza, forse mi aspettavo qualcosina di diverso nelle scelte iniziali, ma va bene così. Non credo che il nostro problema di domenica sia stata la formazione, ma penso che il nostro approccio alla gara non sia stato dei migliori e infatti nel primo tempo oltre ai tre gol subiti abbiamo concesso ai rossoneri diverse palle gol e molto possesso palla".

Il 12 settembre ci sarà la Fiorentina al "Via del Mare", un'altra partita non facile per voi, che Lecce si aspetta?
"Dopo la brutta sconfitta contro il Milan dobbiamo provare a rialzarci subito dalla prossima gara in casa contro i viola. Come sempre proveremo a fare la nostra partita con la consapevolezza che ce la possiamo giocare con tutti. Credo fermamente che se continueremo ad impegnarci come stiamo facendo abbiamo la possibilità di dire la nostra nel corso del campionato con tutte le squadra che incontreremo da qui alla fine".

Contro il Milan come le è sembrato il Lecce come squadra?
"Quella di domenica scorsa è stata una partita atipica, ma per il futuro sono fiducioso. Abbiamo un buon gruppo e tutti i miei compagni hanno la voglia e l'entusiasmo per fare bene. Ora dobbiamo solo continuare a lavorare perché sicuramente possiamo migliorare. Sono arrivati anche Rispoli, Coppola, Ofere, Jeda e Di Michele che non ha bisogno di presentazione e tutti loro ci potranno aiutare a raggiungere il nostro obiettivo".

Come vive la competizione con il secondo portiere Massimiliano Benassi?
"Lavoriamo insieme tutti i giorni e lo facciamo con la massima tranquillità e serenità. Come ho già detto in altre occasioni, la nostra è una sana competizione che ci fa crescere la voglia e l'entusiasmo di fare sempre meglio, ma anche con Davide (Petrachi, ndr) vale lo stesso discorso".