Rosati applaude la sua difesa: "Mi sento al sicuro”

Rosati applaude la sua difesa: "Mi sento al sicuro"

Tre interventi prodigiosi nel "Memorial Michetti" come bigliettino da visita per la serie A. Antonio Rosati ha dimostrato di essere pronto per l'inizio del campionato e assicura di essere maturo per proteggere la porta giallorossa anche nella massima seire: "Ora sono cresciuto e mi sento più maturo rispetto a due anni fa. Lo scorso campionato in cui ho giocato continuità mi ha aiutato ad avere più sicurezza in me stesso e mi ha fatto maturare e questo per un portiere è fondamentale".

L'estremo difensore giallorosso alla prima giornata di campionato dovrà vedersela con l'attacco "mitraglia" del Milan: "Incontreremo i rossoneri alla prima giornata e di sicuro non sarà una partita facile per noi, ma ci stiamo preparando nel migliore dei modi. Chi mi fa più paura del Milan? Sono tutti dei grandi campioni e noi dovremo stare attenti per tutti i novanta minuti, facendo particolare attenzione a Ronaldinho, Pato e Pirlo".

Rosati quest'anno avrà davanti a sè una difesa "rinnovata" dall'arrivo di Reginiussen, Brivio, Donati, Gustavo e Sini: "Sono tutti degli ottimi elementi, Brivio lo conoscevo già nello scorso campionato avendolo visto nel Vicenza, mentre Donati l'ho visto all'opera in ritiro e sono rimasto piacevolmente colpito: è un bravo ragazzo e si impegna sempre al top negli allenamenti. Su Reginiussen e Gustavo ho avuto un'ottima impressione e sono certo che sarò ben protetto da questi elementi: in difesa mi sentivo sicuro nello scorso campionato e lo sono anche ora".

L'estremo difensore di Tivoli non teme la competizione con il compagno di reparto Massimiliano Benassi: "La competizione con Benassi c'è, è inutile nasconderlo, ma è una sana competizione che ti fa crescere e ti stimola a fare sempre meglio, ma oltre a questo, gli stimoli per allenarti al top vengono dall'entusiasmo dato dall'inizio del campionato. Quest'anno è arrivato Mister Lorieri come preparatore dei portieri, il metodo è diverso rispetto all'anno scorso, ma mi sto trovando davvero bene. Faccio degli esercizi sulla reattività che per una della mia altezza sono importantissimi e mi aiutano durante le partite".

Domenica 22 il Lecce nella prima amichevole di lusso della stagione, affronterà il Valencia al "Via del Mare" e Rosati è convinto che in questa circostanza non ci sarà da scherzare: "Il calibro degli avversari di sabato lo conosciamo tutti e domenica sarà un test duro e difficile, una vera prova generale per l'inizio del massimo campionato".

Il gruppo di quest'anno nonostante la tante partenze e i nuovi arrivi è coeso e omogeneo: "Siamo un ottimo gruppo e siamo tutti dei bravi ragazzi, certo per i nuovi nelle precedenti amichevoli c'è voluto un po' di tempo per inserirsi, ma stiamo lavorando bene e anche i nuovi si sono integrati alla grande e io sono fiducioso per l'inizio del campionato".