Berlusconi sulle intercettazioni: "E' una legge sacrosanta"

Berlusconi sulle intercettazioni: "E' una legge sacrosanta"

"Ero e resto convinto che sia una legge sacrosanta che ricalca un ddl approvato con una maggioranza bulgara ai tempi del governo di sinistra. Eppure allora nessuno parlò di legge bavaglio e di attentato alla libertà. Per la sinistra la democrazia e la libertà esistono solo quando governano loro".

Lo ha dichiarato il premier Silvio Berlusconi difendendo il disegno di legge sulle intercettazioni che non ostacolerebbe le indagini sulla mafia

"E' anzi vero assolutamente il contraio". Lo ha detto il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, intervistato a Studio Aperto.

"Il ddl - ha detto il premier - non modifica le indagini. Non un solo reato è stato sottratto alle intercettazioni. Ne abbiamo anzi aggiunto uno: quello dello stalking".

Berlusconi ha poi sottolineato come questo "sia il governo che ha fatto di più e meglio nella lotta alla criminalità in 60 anni sequestrando beni per 12 miliardi di euro, arrestando 5.600 presuntui mafiosi tra cui 26 dei 30 più pericolosi".