Calciomercato-Lecce: si punta alla linea verde, attacco da rifare

Calciomercato-Lecce: si punta alla linea verde, attacco da rifare

“Sogno un Lecce stile Arsenal”. E' questo il desiderio di Pierandrea Semeraro, neo-presidente dell'U.S. Lecce. Una rosa in cui siano i giovani il futuro e i veri protagonisti delle imprese sportive giallorosse.

Prosegue, infatti, verso la linea verde il calciomercato dei vertici di Via Templari. Dopo l'arrivo di Giulio Donati, laterale destro difensivo preso dall’Inter con la formula del prestito con diritto di riscatto della comproprietà per 450 mila euro, il Lecce segue il centrocampista sloveno Renè Krhin e l'attaccante Mattia Destro, entrambi promessi da tempo da Massimo Moratti alla società giallorossa.

Uno degli obiettivi di mercato di Gigi De Canio resta Davide Brivio, laterale difensivo del Vicenza. Si spera che il giocatore cresciuto nelle giovanili di Atalanta e Fiorentina possa avere il via libera dai dirigenti veneti per il trasferimento alla corte del tecnico di Matera.

Il centrocampista nigeriano, Christian Obodo, è nella lunga lista dei giocatori che l'Udinese vorrebbe cedere e pare sia stato offerto al Lecce dal club friulano, ma la società salentina ha espresso perplessità inerenti all'elevato ingaggio dell'atleta africano.

Data per certa la permanenza del centrocampista Bertolacci nella formazione giallorossa, la Roma dovrebbe girare in prestito al Lecce Sini e Pettinari.

Continuano le trattative per Mirko Antenucci, il Catania chiede almeno 3,5 milioni, ma i vertici di Via Templari non sembrano intenzionati a "sborsare" un tale bottino.

Per l'attacco l'unica pedina da cui ripartire è Daniele Corvia, dopo la partenza di Marilungo e Di Michele.

Alain Pierre Baclet, riscattato dall’Arezzo, verrà girato in B, probabilmente al Vicenza.

Restano ancora da definire le due situazioni di capitan Giacomazzi ed Angelo, in scadenza di contratto.

Per il primo ci sarà sicuramente il rinnovo, nonostante i desideri economici di entrambe le parti siano lontani, mentre per il brasiliano si prospetta un futuro lontano dal Salento. Ma, non è ancora detta l'ultima parola.