Mondiali 2010: è Maradona show, Francia e Sudafrica salutano

Mondiali 2010, è Maradona show, Francia e Sudafrica salutano

Sorrisi, lacrime e inaspettati addii. Il Mondiale in Sudafrica ha già emanato i suoi verdetti.

La gioia più incontenibile è quella dell’Argentina di Maradona esplosa dopo il fischio finale di Grecia-Argentina, partita che ha simboleggiato il passaggio del turno della nazionale Albiceleste a punteggio pieno.

L’ex pibe de oro non è più il capitano dell'Argentina, ma la determinazione è rimasta la stessa, stemperata dalla consapevolezza di avere a disposizione una squadra in grado di fare ciò che a lui riuscì nel 1986 in Messico: vincere la Coppa del Mondo: "I miei calciatori sono grandi professionisti e stanno rendendo felici il popolo argentino. Stiamo dimostrando a tutti e anche a noi stessi che tutti voi giornalisti sbagliavate. Anzi, sbagliavate di grosso. Avete mancato di rispetto a questi giocatori e dovreste chieder loro perdono”.

La delusione più grande è senza ombra di dubbio per la Francia di Domenech, schiaffeggiata ed eliminata proprio dai padroni di casa del Sudafrica come ultima del girone.

"Non ho parole- ha esordito Domenech in sala stampa, che poi ha aggunto -E’ una delusione per tutti coloro che ci credevano“.

Il ct della nazionale transalpina ha poi detto che “le intenzioni per fare bene le avevamo, poi sono venuti fuori questi due episodi che ci hanno condannato, e non siamo più riusciti a raddrizzare la partita“.

La sorpresa è , invece, l'Uruguay di Tabarez, che non passava il primo turno da Italia ‘90, e la Corea del Sud.

Era infatti dal 1954 che la Nazionale “celeste” non raggiungeva una qualificazione senza sconfitte e in testa al proprio girone.

Mentre la Corea del Sud, grazie ad un pareggio con la Nigeria ha staccato il biglietto per gli ottavi di finale.

La vittoria con la Francia non è servita, invece, ai padroni di casa del Sudafrica per continuare la loro avventura mondiale: ''Una delusione - ha spiegato Parreira, il ct brasiliano dei Bafana Bafana -, ma certo non un fallimento''.

Uruguay-Corea del Sud e Argentina-Messico sono i primi due accoppiamenti usciti dalla fase a gironi.

Le due partite si disputeranno rispettivamente sabato 26 giugno alle 16 a Port Elizabeth e domenica 27 giugno a Johannesburg alle 20.