Il genio di Gianni De Benedittis e le parole entusiaste di Mandurino e Capone

Il genio di Gianni De Benedittis e le parole entusiaste di Mandurino e Capone

Dieci anni di successi per il giovane salentino Gianni De Benedittis. Un’adolescenza, la sua, trascorsa all’insegna di una ricerca creativa, orientata alla creazione di un brand, futuroRemoto, inconfondibile per raffinatezza ed inventiva. I gioielli di Benedittis non sono semplici preziosi ma scatti di sensibilità e amore verso quelli che lui considera altre forme di sé.

Per festeggiare questo, e tanto, altro, questa sera, a partire dalle ore 19.00, nella seicentesca dimora di Palazzo Tafuri, nel centro storico di Lecce, l’iniziativa ‘Tuono Fashion Event’.

Ospiti d’eccezione saranno Stefano Dominella, presidente della Maison Gattinoni e consigliere della Camera Nazionale della Moda, il direttore creativo Guillermo Mariotto, di cui potremo ammirare i capi dell’ultima collezione haute couture, e le calzature delle hollywoodian celebrities di Giuseppe Zanotti Design.

Per la prima volta, a Lecce, l’Abito Vivo di Gattinoni, indossato dalla popstar Madonna, un una sua performance agli MTV Music Awards.

De Benedittis, protagonista indiscusso della serata, oltre alla collezione disegnata e creata per la Maison Gattinoni, presenterà le ultimissime creazioni ispirate a favole immaginarie. Gioiello di rottura, l’avveniristico anello Scotch.
Ad introdurre il tanto atteso evento, ieri, nel corso della conferenza stampa di presentazione, Stefania Mandurino, commissario dell'Apt per la provincia di Lecce, e il vice presidente della Regione Puglia Loredana Capone.

La dott.ssa Mandurino ha esordito ringraziando il giovane designer e sottolineando che, il turismo, si nutre non soltanto del territorio, inteso come beni architettonici, ma anche di tutte quelle eccellenze, come De Benedittis, che lo riempiono conferendogli un senso di unicità.
Cercare di valorizzare tutto ciò che è design e artigianato made in Puglia, ed in particolare made in Salento, è senza dubbio, secondo la Mandurino una delle migliori modalità di accoglienza e promozione.

Ha proseguito e concluso, poi, la vice presidente Loredana Capone, asserendo che il Salento ha bisogno di stringere un patto etico con la bellezza.
Non si può ancora oggi incorrere nell’errore di considerare le donne come solo strumento della bellezza, bisognerebbe, piuttosto, osservare il loro personale modo si esprimerla.

La bellezza va esaltata, non nascosta.