#ArtPerformingFestival al MACma di Matino

Ieri sera al MACMa – Museo di arte contemporanea di Matino abbiamo seguito la prima serata dedicata alla manifestazione Artperformingfestival ArtTourSalento2018, ideata ed organizzata dal curatore Gianni Nappa e promossa dallo studio di marketing e comunicazione GlobalStrategies S.r.l.

Dopo il grande successo delle prime due edizioni, che si sono tenute a Napoli nel 2016 e 2017, quest’anno è in tour nei comuni più rappresentativi del fermento artistico che regna nel #Salento.

"E' un Festival dedicato alla performance, che da 3 anni noi portiamo avanti, un libero linguaggio del corpo e delle arti contemporanee"
Gianni Nappa curatore del festival

Un festival dedicato alla sperimentazione ed alla performance, che ospita artisti internazionali e nazionali chiamati ad interpretare nei luoghi storici ed architettonici di pregio, l’unione tra l’arte contemporanea ed il turismo. Nella convinzione che la traccia dei linguaggi contemporanei sia nell’interdisciplinarietà, e rivolta al “mondo nel sé” e il “sé nel mondo”, la scelta curatoriale ha privilegiato l’aspetto concettuale, e la ricerca di artisti, non solo convalidati dalla scena internazionale, ma soprattutto portatori di libertà ed autonomia rispetto al mercato ed ai suoi prodotti “riciclati”.

La prima performance a cura dell'artista Jana Kasalova, che da anni si muove a difesa dell'uomo e della natura, sostenendo fortemente che "Non c'è uomo senza una Terra sana", ha delicatamente guidato il pubblico presente alla scoperta di una inaspettata condivisione e partecipazione.

"Una libera possibilità di emozione, pur non essendo a teatro, una libera possibilità di accogliere un'azione performativa per riceverne una memoria di qualcosa che cambia"

Successivamente le tre performance di Gim Gwang Cheol e Park Kyeong Hwa, Logic Alkemy #1 #2 #3, basate sulla relazione dei corpi e sulle implicazioni che si generano con il pubblico

A concludere la serata, la video performance installativa "Il mio viaggio" a cura di Pantaleo Musarò

Un post condiviso da SalentoWebTv (@salentowebtv) in data:

#artperformingfestival #salentowebtv

Un post condiviso da SalentoWebTv (@salentowebtv) in data:

#artperformingfestival #salentowebtv #macma

Un post condiviso da SalentoWebTv (@salentowebtv) in data:

Puntando sull’attualità dei linguaggi, la forza empatica della condivisione e la costruzione di percorsi alternativi, la ricerca sta nell’inconsapevolezza del fruitore che accoglierà i messaggi senza condizionamenti artisti ad azioni nelle strade solitarie dei borghi, alla ricerca di condizioni di condivisione spontanea, alla riscoperta del “suono” delle giornate, tra gatti e lontane voci in interni.
Un abbraccio del mondo della performance ai luoghi dello storico passaggio dei Templari, dei commerci della pelle e della porta naturale sul Mediterraneo, che pure ha luoghi rinomati e vacanzieri di grande richiamo. La bellezza non è solo nei luoghi, ma soprattutto nell’anima di un popolo che, fiero delle sue tradizioni, esprime grandi energie nel campo dell’arte contemporanea.

Proprio a partire dal concetto di sperimentazione e dalla costruzione di percorsi alternativi si è individuato il MACMa quale contenitore ideale per la fusione di questa duplice istanza antico/moderno. Il Palazzo Marchesale del Tufo, che ormai dal 2006 ospita il museo, diventa il perfetto crocevia tra passato e futuro per 4 serate, 9 artisti e 8 performance live che daranno vita ad un percorso che mette in dialogo arte antica e arte contemporanea.