"Indi[e]pendent Music Festival": il 5 agosto a Porto Cesareo

5 July, 2011 (All day)

Si terrà venerdì 5 agosto 2011 l’Indi[e]pendent Music Festival un grande evento, patrocinato dal Comune di Porto Cesareo, che concentrerà nella stessa serata i migliori artisti della musica ska, reggae, elettronica, rock e disco, con importanti musicisti del panorama nazionale che si alterneranno sul grande palco allestito nel parcheggio Le Dune di Porto Cesareo.

Ospiti d’onore del festival "I Ministri", gruppo indie rock milanese in esclusiva live per la Puglia che farà tappa a Porto Cesareo con il fortunato Fuori Tour Estate 2011. La band, che è tra gli importanti nomi degli MTV days 2011, accompagna il nuovo viaggio con alcune novità: la ristampa de “I Soldi Sono Finiti” e “La Piazza Ep” (BlackOut/Universal 2011) in un unico cd rimasterizzato. È fresco d’uscita anche il nuovo e acclamato videoclip Noi Fuori, una riflessione sul cosa sia possibile tirar fuori da Milano e in generale dal mondo che ci sta attorno. Icona generazionale di un indie rock che col tour riunifica l’Italia, I Ministri sono artisticamente dei cani sciolti. Nel loro testi c’è di tutto: l’ansia milanese, la crisi discografica, la vicenda Quattrocchi, la voglia di scappare, il problema dell’integrazione razziale e la vergogna dei CPT.

Lontani da ogni schieramento, Divi (voce e basso), Fede (chitarra e voce) e Michi (batteria) preferiscono essere I Ministri solo di se stessi e “cercano di dire qualcosa in anni in cui l’Italia preferisce parlare in inglese”.

Oltre al grande successo musicale (l’ultimo album “Fuori”, ha conquistato la posizione numero 15 della classifica ufficiale FIMI degli album più venduti in Italia), la band raccoglie consensi anche sul grande schermo: il pezzo trainante della colonna sonora di “Ce n'è per tutti” (il nuovo film di Luciano Melchionna con Ambra Angiolini e Stefania Sandrelli), è la scurissima ballata E Se Poi Si Spegne Tutto, tratta anch'essa dal più che mai longevo “Tempi Bui”.

Ora, in piena estate e con il terzo album in uscita a settembre, i Ministri tornano a “cantare l'Italia così come l’Italia si merita”, con le parole ancora fresche di “Tempi Bui”, “La Piazza” e “I Soldi Sono Finiti” e quelle nuove del disco che stanno lavorando in studio. “Niente di buono sul fronte occidentale” è il nome della breve serie di concerti che lo anticipa e già dice molto sulla salute dell'orizzonte e sullo sguardo de I Ministri: in scaletta, accanto agli ormai quasi classici della band, inediti troppo aspri per trovare spazio nei loro primi due album, cover stravolte e travolgenti, violente riletture di tracce mai eseguite dal vivo e alcune anticipazioni dal disco che verrà.

In attesa della grande esibizione de I Ministri, apriranno il concertone i Republika Mod, rock band salentina che nella musica d’autore ha trovato la propria chiave d’espressione. Il progetto nasce come fucina di inediti che in poco tempo riscuotono successi sulla vetrina virtuale del web, spingendo la formazione a dedicarsi, oltre che ai live, anche all’attività di dj set per moltissimi locali salentini. Col tempo il loro sound si evolve nella direzione di un originale pop rock e tra i maggiori successi che rappresentano il particolare stile, Republika Mod spopola con Non si può, prodotta anche in versione videoclip. In questo periodo la band è a lavoro nel Mod Recording Studio per il primo cd autoprodotto "Via di fuga", album che vedrà la luce verso la fine del 2011, anticipato da un singolo di cui ancora svelano poco. I componenti sono Matteo Manni (Voce e chitarra), Davide Donno (Voce), Pippi Chittano (batteria), Emilio Maggiulli (chitarra), Davide Codazzo (basso), Davide Corsano (tastiere, synth).

A seguire Funzione Random, band emergente nata nel 2009 con un progetto musicale che fonde i principi della musica elettronica alla naturalezza del pop. Il loro primo album “Io scrivo” è pubblicato con l’etichetta fiorentina The Palpitation Music&Record e si caratterizza per l’aggressività e l’energia che plasma un sound “viscerale”. I Funzione Random in questi due anni hanno condiviso il palco con band del calibro di La Fame di Camilla, Sud Sound System e, ultimi in ordine di tempo, Motel Connection (Samuel dei Subsonica, Pierfunk, Dj Pisti) all’Auditorium Flog di Firenze. Nel 2011 sono state segnalate come una tra le migliori band emergenti italiane da Nokia. I Funzione Random nascono dal sodalizio artistico tra Michael Cottin (chitarra e voce), Simone Balilla (basso), Riccardo Nestola (batteria) e Luigi Cordella (sintetizzatori).

Intorno alle 22:00 finalmente sul palco l’attesa esibizione della band indie più attesa della serata, I Minsitri che coinvolgeranno i fan con un lungo e trascinante spettacolo in cui, accanto agli ormai quasi classici della band, si avvicenderanno diversi inediti, cover stravolte, riletture di tracce mai eseguite dal vivo e alcune anticipazioni dal disco di prossima uscita.

Chiuderanno i live gli SteelA che dal main stage di Porto Cesareo caricheranno di energia e bruceranno la massive con il loro singolare electro reggae. Partendo dal Salento, e in meno di due anni, il gruppo è riuscito a farsi conoscere in tutta Italia e raccogliere consensi tra gli amanti della musica reggae e non solo. Ad annunciare l’uscita del secondo lavoro in studio è stato il singolo Nel Centro del Mondo, in costante rotazione su Caterpillar e su molte altre radio. Il loro nuovo album “Un passo un dubbio”, secondo lavoro in studio, è prodotto con la collaborazione di Max Casacci (Subsonica) e Madaski (Africa Unite). Il disco, disponibile su etichetta On The Road e distribuito da Universal, ha raccolto da subito consensi da parte della critica che negli undici nuovi brani riconosce una precisa identità artistica che unisce l’istinto selvaggio ad una buona maturità musicale.

Gli SteelA fanno tappa all’Indi[e]pendent Festival, con un live che spazierà dal roots al reggae elettronico, dalla dubstep al raggamuffin salentino. Uno spettacolo carico d'energia ed una scaletta che, oltre alle loro canzoni, comprende un remix dubstep di Omen (Prodigy), la dub-version di Fire (Magnetic Man) e una splendida E-Trips (Benga).

Ad ogni cambio palco, tra una band e l’altra, le selezioni musicali del dj set Music That We Love faranno ballare il pubblico con le frenetiche vibrazioni della musica elettronica.

Non solo. Al termine di tutti i live il Parcheggio delle Dune si trasformerà in una discoteca sotto le stelle che, per tutta la notte e fino alle prime luci dell’alba, potrà sfrenarsi al suono della musica house, remix e commerciale del dj set di Radio Rama.

Apertura cancelli: h 21:00

Chiusura cancelli: h 04:00

Entrata: 10:00 euro.