Cineclub Penny Arcade: il 5 marzo Nasty Old People

5 March, 2010 - 20:30 - 22:30

L'appuntamento di questa settimana con il Cineclub Penny Arcade dell'Associazione Ludovico - ore 20:30, sala Teatrino del Convitto Palmieri - prevede la proiezione del film Nasty Old People
Pellicola indipendente finanziata tramite prestito bancario di 10.000 euro, "Nasty old people" è l'esordio da sceneggiatrice, animatrice e regista della svedese Hanna Skold, che ha realizzato il film nel tempo libero e lo ha presentato nell'ottobre 2009 al festival cinematografico di Malmo.

La Skold ha poi optato per una distribuzione alquanto singolare, ma assolutamente da premiare: la pellicola - evitando i costi di produzione dei dvd, del trasporto, della pubblicità, etc. - è stata rilasciata sotto Licenza Creative Commons e diffusa via Web a partire dal suo blog, grazie all'aiuto del noto tracker di BitTorrent The Pirate Bay. Sempre dal blog sono scaricabili i sottotitoli in svariate lingue. Da notare che finora, tramite le donazioni degli utenti, in un paio di mesi sono stati riguadagnati già quasi 2.000 euro!
La distribuzione del film è in gran parte fatta usando BitTorrent, questo diminuisce drasticamente i costi di distribuzione rispetto ai metodi tradizionali e si basa invece su utenti e visitatori per l’ulteriore distribuzione del film. In tal modo la distribuzione di questo film non è controllato dai creatori del film, ma da parte della comunità di spettatori e tifosi. Nei primi 5 giorni di distribuzione è stato scaricato 16 000 volte e le donazioni volontarie sono arrivate a 15 000 SEK (1 500 EURO). Ultima ma non meno importante, la dimensione ecologica, in quanto la distribuzione è tutta digitale e non c’è stato bisogno di stampare copertine e plastificarle (tutto ciò che richiede la produzione di un DVD) inoltre si elimina anche il dispendio di energie di imballaggio e trasporto.
"Nasty Old People" racconta la storia di Mette, una ragazzina nazista che si prende cura di quattro persone anziane piuttosto burbere durante il suo lavoro quotidiano e che aspettano solo di morire. La sua vita diventa un viaggio in una favola burlesca, in cui le regole del gioco sono create da Mette stessa. Mette è indifferente circa il suo modo di vita, fino a quando non assale un uomo, prendendolo a calci in maniera insensata. Svegliandosi il giorno dopo, si rende conto che qualcosa non va e si mette in discussione. Capisce che c'è un mondo di cui ignorava l'esistenza. E' un film molto profondo e toccante.